21 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Cronaca

«Quando posso tornare a giocare a calcio», le prime parole di Kelvin al risveglio

E' uscito dal reparto di Rianimazione il bambino di sette anni rimasto gravemente ferito durante la folle notte di piazza San Carlo. Le sue prime parole e il commento del padre
Le prime parole di Kelvin al risveglio dal coma farmacologico
Le prime parole di Kelvin al risveglio dal coma farmacologico ANSA

TORINO - «Dove sono? Cos'è successo? Quando posso tornare a giocare con il mio pallone?» Sono state queste le prime frasi, confuse e disorientate, pronunciate dal piccolo Kelvin, il bambino di sette anni di origini cinesi rimasto gravemente ferito in seguito agli fatti del 3 giugno in piazza San Carlo. Dopo essere stato in coma farmacologico alcuni giorni, Kelvin è stato svegliato e le prime parole che ha rivolto al padre hanno avuto il suono più dolce del mondo. Il piccolo sta meglio ed è uscito oggi, giovedì 8 giugno, dal reparto di Rianimazione dell'ospedale Regina Margherita.

Il commento del padre
Il padre ha riferito che per il momento preferiscono non raccontare al bambino esattamente quello che è successo durante quelle ore in piazza San Carlo. Il piccolo appare turbato nel ripensare a quei momenti violenti e, raccontano i genitori, scoppia a piangere al solo ricordo. Il bambino, tifoso della Juventus e appassionato di calcio, è rimasto sepolto dalla folla di persone che, in preda a un panico collettivo, ha iniziato a scappare.