19 ottobre 2019
Aggiornato 11:30
Movida

Blitz a San Salvario, 15mila euro di multe dopo l'ordinanza anti-movida 

Controlli a tappeto durante il fine settimana per far rispettare l'ordinanza comunale che vieta la vendita di alcolici e superalcolici da asporto, dalle 20 alle 6 del mattino, in alcune zone della città. Sanzioni ai locali per oltre 15mila euro
Ordinanza per arginare la movida torinese
Ordinanza per arginare la movida torinese ANSA

TORINO - Fatta l'ordinanza che proibisce la vendita di alcolici e superalcolici da asporto, dalle 20 alle 6 del mattino, in alcune zone della città, sono iniziati i controlli a tappeto. I pattugliamenti, effettuati congiuntamente dalla Polizia di Stato e dalla Polizia Municipale durante il fine settimana, hanno consentito di sanzionare quattro soggetti, gestori di quattro distinte attività commerciali, tutte dislocate nel quartiere della movida per eccellenza, San Salvario.

Multe per i locali della movida
I primi locali a essere stati beccati dagli agenti a non rispettare i vincoli imposti dall'ordinanza comunale del 7 giugno si trovano nella frequentatissima via Saluzzo. Questi, scoperti dagli operatori del Commissariato Barriera Nizza a vendere alcolici ai cittadini anche oltre il "coprifuoco", sono stati inoltre multati per non aver esposto cartelli, visibili sia all’interno che all’esterno del locale, con l’indicazione dell’orario di cessazione dell’attività di vendita di bevande alcoliche e superalcoliche. Altri due esercizi, situati in via Nizza e via Galliari, dovranno far fronte al pagamento di quasi 7.000 euro di multa ciascuno, per non aver interrotto la vendita di bevande in vetro dopo le ore 23, e per aver continuato a vendere alcolici da mezzanotte alle 6, contravvenendo esplicitamente all'ordinanza comunale.