21 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Via Nizza

Tra marciapiedi e pista ciclabile via Nizza cambia volto: «sì» al progetto di riqualificazione

Una doppia pista ciclabile, abbattimento delle barriere architettoniche e rifacimento dei marciapiedi: ecco come cambierà via Nizza nel tratto compreso tra Porta Nuova e piazza Carducci

TORINO - Via Nizza cambia volto. E’ arrivato oggi il via libera da parte della Giunta comunale al progetto di riqualificazione del tratto di strada compreso tra la stazione di Porta Nuova e piazza Carducci. Una doppia pista ciclabile, una nuova illuminazione, marciapiedi riqualificati e abbattimento delle barriere architettoniche: sono questi alcuni punti del progetto reso possibile grazie ai fondi previsti dal Programma operativo nazionale Città metropolitane (Pon Metro 2014/2020). Su proposta dell’assessora Maria Lapietra, nella seduta di oggi è stato approvato il progetto esecutivo.

Via Nizza, cosa cambia
Il tratto interessato è lungo 2,2 km. Per riqualificarlo, l’investimento sarà di poco meno di 3 milioni di euro. Il piano prevede la realizzazione di due piste ciclabili separate da un cordolo, il rifacimento dei marciapiedi e l’abbattimento delle barriere architettoniche che oggi sono un ostacolo per i disabili. La particolare attenzione verso le persone con un handicap permetterà di realizzare attraversamenti semaforici con scivoli, codice di lettura podotattile e semafori con sorgenti sonore. Capitolo pista ciclabile: due fasce di rispetto separeranno le piste dai parcheggi a raso, mentre al centro saranno ricavate due corsie per i veicoli privati a motore e per i mezzi di trasporto pubblico. Sicurezza e mobilità dolce sono le parole chiave di questa rivoluzione. 

Lapietra: «Sarò un viale moderno e funzionale»
Ma c’è di più: anche l’ambiente avrà un suo peso in questo progetto di riqualificazione. Nel tratto fino a corso Marconi ci sarà spazio anche per un filare di alberi tra gli 8 e i 15 metri d’altezza, e un nuovo impianto di illuminazione pubblica per garantire i giusti livelli di luminosità in presenza della nuova alberata. «L’asse di via Nizza sarà un viale moderno e funzionale: più gradevole da percorrere, a vantaggio dei locali commerciali, per la maggior distanza delle auto parcheggiate e più sicuro per tutti gli utenti della strada. Grazie ai fondi europei diamo un assetto funzionale a un viale che dopo i cantieri della metropolitana aveva assunto un aspetto provvisorio e disordinato» ha spiegato Maria Lapietra, assessora ai Trasporti.