19 agosto 2017
Aggiornato 15:00
Cronaca

Motociclista «sbadato» dimentica la moglie per strada: ritrovata dopo 40km di corsa solitaria

Disperato e sotto choc, l’uomo si è recato dai carabinieri: «Aiutatemi, mi è caduta dal sellino». In realtà, dopo una sosta, il centauro non l’aveva mai fatta salire in sella alla moto ed era ripartito

Il motociclista è andato dai carabinieri convinto di aver perso per strada la moglie (© Carabinieri)

CHIERI - «Aiutatemi, ho perso mia moglie per strada». Ha dell’incredibile quanto accaduto nella giornata di ieri nel torinese: un motociclista di 59 anni si è recato dai carabinieri, dopo essersi accorto dopo 40 km di strada di non avere più la moglie con sé. L’uomo, preso dal panico e l’agitazione, pensava che la consorte fosse caduta dalla moto.

La paura e il sollievo: la moglie contatta il marito sbadato
In realtà, per fortuna, la donna non è mai caduta dalla moto. Anzi, non ci è mai salita: pare infatti che dopo una sosta, il centauro sia ripartito senza mai far salire la moglie sul sellino posteriore. L’ha lasciata a terra, ha percorso 40 km da Moncalvo d’Asti a Chieri e poi si è accorto della misteriosa sparizione. Vano anche ogni tentativo di contattarla, a causa del cellulare della donna lasciato nel bauletto della moto. E’ stata la moglie stessa, infuriata, a farsi prestare il cellulare e a contattare il marito per farsi venire a riprendere. Il centauro ha potuto così tirare un sospiro di sollievo: di sicuro questo episodio non lo dimenticherà per un bel po’.