21 ottobre 2019
Aggiornato 02:00
Cronaca

La confessione del giardiniere disoccupato: «Produco droga per mantenere la mia famiglia»

L’uomo, un 49enne residente a Torino, coltivava piante di marijuana alte fino a un metro e sessanta. I carabinieri della compagnia Mirafiori lo hanno arrestato
Le piante ritrovate dai carabinieri nel terreno del giardiniere disoccupato
Le piante ritrovate dai carabinieri nel terreno del giardiniere disoccupato Carabinieri

TORINO - «Produco la droga per mantenere la mia famiglia». E’ stata questa la giustificazione che un giardiniere disoccupato ha riferito ai carabinieri, forse provando a sfuggire all’arresto. Nessuna pianta di pomodori o di verdura nel terreno di proprietà dell’uomo: il giardiniere, un 49enne di Torino, coltivava marijuana.

Piante alte fino a un metro e sessanta
Quando i carabinieri della compagnia Mirafiori sono arrivati in strada del Drosso, presso il terreno coltivato dall’uomo hanno scoperto ben 9 piante di marijuana molto alte: la più grande? Alta un metro e sessanta circa. Il 49enne, un giardiniere rimasto senza lavoro, è stato arrestato per produzione e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di vendita.