19 ottobre 2019
Aggiornato 11:00
Provincia di Torino

Giallo a Poirino: cercano il figlio scomparso, trovano il corpo della madre mummificato

I carabinieri erano sulle tracce del figlio per il quale la compagna aveva presentato denuncia di scomparsa. In casa della madre hanno trovato il corpo senza vita di quest’ultima in stato di decomposizione avanzato. La morte risalirebbe a febbraio
Carabinieri fuori dalla casa della donna trovata morta
Carabinieri fuori dalla casa della donna trovata morta Carabinieri

POIRINO - Giallo a Poirino dove i carabinieri hanno trovato una donna di 74 anni senza vita in casa propria in via Ternevasso 216 in stato avanzato di decomposizione. Nello stesso alloggio era presente anche il figlio della donna, un uomo di 48 anni che i militari stavano cercando in seguito a una denuncia di scomparsa presentata dalla compagna solo ieri mattina, anche se il quarantottenne si era allontanato da casa propria il 22 giugno scorso. I carabinieri lo hanno rinvenuto in stato confusionale.

Decesso risalente a febbraio
Ci sono ancora tanti punti interrogativi in questa storia. L’arrivo del medico legale in via Ternevasso ha escluso per il momento una morte violenta: sul corpo della vittima non sono stati trovati segni di violenza o lesioni, anche se è difficile capirlo visto lo stato, ma la certezza la si avrà solamente con l’autopsia che darà una mano anche a stabilire la data del decesso avvenuto con molte probabilità nel febbraio scorso. Fino a oggi nessuno aveva avuto sospetti sulla morte della pensionata, tranne negli ultimi giorni in cui qualche vicino si era lamentato per una strana puzza proveniente dall’alloggio della donna.

Figlio scomparso il 22 giugno
I carabinieri sono arrivati a Poirino quando la compagna del figlio della vittima ha sporto denuncia di scomparsa. L’uomo si era allontanato da casa (a Torino) il 22 giugno. I militari dell’Arma lo hanno cercato in diversi posti, tra cui la casa della vittima, ed è proprio lì, in via Ternevasso, che è stato trovato. Da tempo soffre di depressione e nell’alloggio della madre era in stato confusionale: i carabinieri stanno provando a capire tutti i «perché». Intanto la salma della vittima è stata portata alla camera mortuaria di Chieri.