18 ottobre 2019
Aggiornato 01:30
Bricherasio

Giardino di casa trasformato in centro benessere: nei guai 45enne

Piscina, bar e feste a tema: l’uomo, spacciando la sua attività come associazione non a scopo di lucro, era riuscito a mettere in piedi un business molto redditizio
La Guardia di Finanza ha scoperto il centro benessere abusivo
La Guardia di Finanza ha scoperto il centro benessere abusivo ANSA

TORINO - Una piscina di dodici metri, sdraio, zone relax e un giardino di mille metri quadrati con reception, spogliatoi e un bar: gli uomini della Guardia di Finanza hanno scoperto un centro benessere abusivo, costruito all’interno del giardino di una casa a Bricherasio, a due passi da Pinerolo. Il centro era stato messo in piedi da F.G., consulente di 45 anni. Apparentemente avrebbe dovuto essere un’associazione senza scopo di lucro, in realtà si trattava di una vera e propria impresa redditizia.

Il centro benessere
Per essere soci dell’associazione e utilizzare la struttura, bisognava pagare la quota annuale di 5 euro e acquistare il biglietto d’ingresso a 6 euro nei giorni infrasettimanali, 8 euro la domenica. Le persone che frequentavano il centro benessere avevano a disposizione qualsiasi comfort: dalle sdraio alle cuffie, passando per un bar con percentuale di ricarico del 50% e feste a tema. Un business capace di fruttare al titolare sino a 500 euro. Al termine dei controlli fiscali la falsa associazione è stata trasformata d’ufficio in una «società in nome collettivo», alla quale è stata attribuita una partita I.V.A.; l’impresa è stata così segnalata agli Uffici Finanziari ricostruendo sulla base della documentazione disponibile un volume d’affari di oltre 20.000 euro.