17 gennaio 2020
Aggiornato 14:00
Giunta Appendino

La sindaca porta i suoi assessori in ritiro, cala la fiducia e bisogna riprogrammare

Chiara Appendino ha organizzato una giornata con assessori, staff e collaboratori. Ha scelto Balme per staccare dalla città che da un anno amministra. L’uomo del giorno è stato il neo assessore Alberto Unia
Chiara Appendino, sindaca di Torino da un anno
Chiara Appendino, sindaca di Torino da un anno ANSA

BALME - E’ tempo di bilanci e progettazione per la Giunta della sindaca Chiara Appendino a poco più di un anno dalla vittoria su Piero Fassino alle elezioni amministrative e dal suo insediamento. La prima cittadina ha portato i suoi assessori, gli staffisti e i collaboratori a Balme, in una località tranquilla che lei conosce bene perché spesso meta quando vuole staccare dalla città. Una quarantina di persone in tutto che da mattina a sera hanno parlato di quel che è stato fino a oggi e di quel che sarà già a partire da domani. Nell’ultimo periodo la fiducia nell’amministrazione è crollata, la festa per la vittoria nelle elezioni si è trasformata nella cruda realtà delle difficoltà e imprevisti di tutti i giorni, non ultima la notte di piazza San Carlo, forse il crocevia di quest’ultimo periodo non certo positivo.

PAROLA AGLI ASSESSORI - La padrona di casa (la sindaca) ha introdotto i lavori, ma poi ha ceduto la parola agli assessori e agli assessorati affinché facessero il punto della situazione dal loro punto di vista. Un quarto d’ora a testa prima di passare a programmare come dovrà essere amministrata Torino nei prossimi mesi. Pare che uno dei temi fondamentali discussi siano state le periferie, il punto su cui Chiara Appendino si era tanto battuta in campagna elettorale ma che fino a oggi non è quasi stato toccato. Poi si è parlato degli eventi, uno dei temi caldi visti i tanti appuntamenti annullati nell’ultimo periodo, come gli Streetgames che ormai erano giunti alla dodicesima edizione. A breve sarà presentato il calendario del 2018 e c’è tanta curiosità su quali eventi animeranno la città e quali invece (quelli noti soprattutto) saranno solo un ricordo.

ALBERTO UNIA - Lui è stato l’uomo del giorno. Dopo un anno passato tra i banchi dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, da qualche settimana l’eletto meno votato della Sala Rossa è passato in Giunta al posto di Stefania Giannuzzi. Da assessore all’Ambiente il suo compito sarà non solo quello di occuparsi delle deleghe che la prima cittadina gli ha affidato, ma anche quello di ricostruire un rapporto con la maggioranza in Consiglio comunale e con gli elettori, con quegli attivisti che hanno scelto il Movimento 5 Stelle un anno fa. Unia d’altronde è uno di loro e si è sempre occupato del territorio e delle periferie. Il suo percorso inizia ufficialmente da Balme.