24 agosto 2019
Aggiornato 07:00
Moncalieri

«Moncalieri piange Elisa Ferrero», la lettera del primo cittadino Paolo Montagna

Anche il sindaco di Moncalieri ha commentato la notizia della tragedia avvenuta a Condove dove ha perso la vita Elisa Ferrero, moncalierese di 27 anni. Il suo fidanzato Matteo Penna lotta tra la vita e la morte al Cto

MONCALIERI - Era di Moncalieri Elisa Ferrero, la ragazza che nella giornata di ieri è stata travolta e uccisa da un automobilista alla guida di un Ford Transit con il quale lei e il suo ragazzo, Matteo Penna, avevano avuto poco prima un diverbio. Studiosa e appassionata di sport, con la passione per la moto, Elisa è stata ricordata anche dal sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna, che ora chiede che venga accertata tutta la verità su questa tragedia che, oltre alla morte della giovane ventisettenne, ha visto un arresto per omicidio stradale (per il momento l’accusa è questa) e di un gravissimo ferimento del fidanzato della vittima che ora lotta tra la vita e la morte all’ospedale Cto di Torino.

«SIAMO SCONVOLTI» - Si affida a un comunicato stampa il primo cittadino di Moncalieri, Paolo Montagna: «La Città di Moncalieri piange la giovane Elisa Ferrero, che ha perso la vita ieri in Val di Susa, nei pressi di Condove. Ci stringiamo attorno alla sua famiglia e a quella del suo fidanzato Matteo, che in queste ore lotta tra la vita e la morte. Siamo sconvolti ed è difficile trovare le parole all’indomani di una notizia del genere: di certo c’è tanta, tantissima rabbia. Le immagini drammatiche e le prime testimonianze sembrano ricostruire la dinamica della tragedia, ma ora tocca alla magistratura fare il suo corso e accertare la verità. È fondamentale che la giustizia sappia arrivare fino in fondo».