8 dicembre 2019
Aggiornato 11:30
Stretta sui barbecue selvaggi

Prime sanzioni per i barbecue «selvaggi», sotto controllo il parco della Pellerina

Alcuni ragazzi sono stati sanzionati nella giornata di sabato per aver utilizzato il barbecue al di fuori delle zone apposite e per la musica alta. Domenica la situazione è stata decisamente più tranquilla

TORINO - Dopo l’annuncio della nuova «crociata» della sindaca Appendino contro i barbecue selvaggi, quelli fatti al di fuori delle zone attrezzate, hanno già fatto le prime vittime. Sabato la polizia municipale ha multato un gruppo di ragazzi che stava cuocendo la carne sulla griglia al parco della Pellerina tenendo la musica molto alta grazie all’ausilio di casse e amplificatore. Tutto vietato e sanzionato dopo le molte segnalazioni arrivate a Palazzo Civico per l’inciviltà che, con l’arrivo dell’estate in particolare, si registra nei parchi cittadini. Domenica invece è andata diversamente e, capito il rischio, non è stata fatta alcuna multa o barbecue fuori posto.

DOMENICA TRANQUILLA - L’ultimo giorno della settimana è passato tranquillo. Al parco della Pellerina, quello più preso di mira dagli amatori delle grigliate, qualcuno ci ha provato ad allestire un pic nic a base di carne cucinata al momento, ma alla vista della polizia municipale hanno desistito tutti. Qualcuno ha chiesto direttamente agli agenti e poi si è tirato indietro, mentre i più si sono portati da casa cibi già cotti e hanno tenuto la musica a basso volume.