21 luglio 2019
Aggiornato 21:00
Cronaca

Truffa da 30mila euro a Chef Barbieri, donna beccata a Torino mentre ritira i soldi

La donna è indagata per riciclaggio e per essere complice di una truffa ai danni del famoso chef stellato Bruno Barbieri. Dal conto corrente bancario di uno dei giudici di MasteChef infatti sono stati sottratti illegalmente 30 mila euro

TORINO - Una cittadina nigeriana di 33 anni è stata messa agli arresti domiciliari in seguito a un'indagine della procura di Torino. La donna è indagata per riciclaggio e per essere complice di una truffa ai danni del famoso chef stellato Bruno Barbieri. Dal conto corrente bancario di uno dei giudici di MasteChef infatti sono stati sottratti illegalmente 30 mila euro. La truffa è stata orchestrata avendo accesso alle credenziali bancarie del cuoco, grazie alle quali i criminali hanno potuto accedere al conto corrente senza destare sospetti.

LA TRUFFA - Pare che, lo scorso 13 febbraio, degli sconosciuti abbiano inviato una e mail alla direttrice di uno sportello bancario di Medicina (Bologna), dove Barbieri ha uno dei suoi conti, con le credenziali del cuoco, di cui erano riusciti a violare l'account. Nella mail i malviventi ordinavano di predisporre un bonifico del valore 30 mila euro a favore della giovane nigeriana ora agli arresti domiciliari. Secondo alcune indiscrezioni pare che chef Barbieri non fosse nuovo a dare direttive alla propria banca via mail, perciò la direttrice ha eseguito le indicazioni senza insospettirsi. L'arrivo poi di una seconda richiesta di bonifico del valore di 40mila euro ha fatto scattare l'allarme e scoprire il raggiro. 

L'ARRESTO - In seguito la giovane nigeriana si è occupata di prelevare il denaro sottratto dal conto corrente dello chef presso una banca di  Torino, dove è stata beccata dalle telecamere di videosorveglianza. La donna sarebbe poi riuscita a lasciare il paese, volando a Londra, dove è stata scovata e riportata in Italia. Ancora ignota l'identità dei suoi complici.