22 agosto 2017
Aggiornato 15:00
droga

Sgominato maxi traffico di droga: la base? Un bar davanti alla caserma dei carabinieri

I trafficanti rifornivano tutta la città. Sequestrati 130 kg di eroina, cocaina, hashish e marijuana. La droga veniva prodotta in Sudamerica o in Spagna. La base di spaccio? Un bar di via Cernaia, davanti alla caserma dei carabinieri

TORINO - Con una grande operazione, la Squadra Mobile di Torino ha sgominato due organizzazioni di trafficanti di droga capaci di rifornire i consumatori della città con una quantità incredibile di sostanza stupefacente di ottima qualità. Il paradosso? La base di spaccio di una delle due organizzazioni era il bar «Le Torquoise», in via Cernaia 26, proprio di fronte alla caserma dei carabinieri. L’operazione ha permesso di sequestrare circa 130 kg di droga (1,96 kg di eroina, 10,6 kg di cocaina, 70 kg di marijuana e 46,5 kg di hashish) e di arrestare ben 15 persone.

LA PRIMA OPERAZIONE - Le organizzazioni, due gruppi criminali paralleli, importavano la cocaina dal Sudamerica e la marijuana dalla Spagna poi, grazie a una fitta rete di corrieri, la consegnavano direttamente agli associati sul territorio torinese. L’indagine è partita nell’aprile dell’anno scorso, quando gli operatori della Squadra Mobile hanno constatato la presenza di un tipo di marijuana di qualità all’interno del Parco Ruffini. Gli investigatori sono riusciti a risalire all’intera filiera di spaccio dopo aver identificato un soggetto con oltre 10 kg di narcotico. Da qui lo sviluppo dell’operazione, che in un primo momento ha portato all’applicazione di sei misure cautelari (di cui due in carcere) di sei soggetti: tre marocchini, due albanesi e un italiano.

BASE DAVANTI ALLA CASERMA - Il secondo gruppo, più strutturato e organizzato, era invece composto soprattutto da italiani. La marijuana veniva trasportata dai corrieri a bordo di vetture modificate per poter occultare buste sotto vuoto da mezzo chilo ciascuna. La cocaina, prodotta in Sudamerica, veniva introdotta nel nostro paese dentro alcune bottiglie di rum. Il primo ad essere arrestato un italiano, fermato dopo un viaggio a Caracas. Successivamente sono stati arrestati altre nove persone. Il paradosso? La base per l’acquisto di droga e per le trattative era il bar «Le Torquoise», in via Cernaia 26, proprio davanti alla caserma dei carabinieri. Il locale è stato chiuso per 15 giorni, mentre l’organizzazione è stata sgominata. 

Due le organizzazioni sgominate della polizia

Due le organizzazioni sgominate della polizia (© Questura)