Evade per andare a giocare a calcetto, rintracciato dai poliziotti a fine partita 

L'uomo, con un permesso lavorativo dal lunedì al venerdì, domenica sera è andato a giocare una partita di calcetto con gli amici e, durante il normale servizio di controllo, gli agenti della Squadra Volante non hanno trovato nessuno in casa

Polizia di Stato
Polizia di Stato (Diario di Torino)

TORINO - Era agli arresti domiciliari, ma quando gli amici lo hanno chiamato per andare a giocare a calcetto non ha saputo proprio dire di no. L'uomo, con un permesso lavorativo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, domenica sera è andato a giocare una partita con gli amici e, durante il servizio di controllo, gli agenti della Squadra Volante non hanno trovato nessuno in casa. Il giocatore è stato fermato mentre rincasava a piedi al termine della partita. Si tratta di un italiano di 40 anni, arrestato per evasione.