24 ottobre 2017
Aggiornato 07:30
Fotografia

Al Centro Italiano per la Fotografia «Arrivano i Paparazzi!»

Dal 13 settembre nelle sale di via delle Rosine in mostra le immagin che raccontatno la storia della «fotografia rubata» dalla Dolce Vita a oggi. Ecco cosa vi attende

Al Centro Italiano per la Fotografia «Arrivano i Paparazzi!» (© Tazio Secchiaroli/David Secchiaroli)

 TORINO - Dal 13 settembre, da Camera – Centro Italiano per la Fotografia approda la mostra «Arrivano i Paparazzi! Fotografi e divi, dalla Dolce Vita a oggi », a cura di Walter Guadagnini e Francesco Zanot, e sarà visitabile fino al 7 gennaio 2018. La mostra si compone di centocinquanta immagini che raccontano l’epopea della «fotografia rubata», da La Dolce Vita a oggi, in Italia e nel mondo, dove il mondo è soprattutto, anche se non solo, quello dello scandalo e del gossip. « Sono fotografie che hanno segnato per sempre la percezione popolare dei personaggi pubblici, attori, cantanti, politici – commentano i curatori – Donne soprattutto. ‘Rubate’ dei momenti privati, quando, smessa la maschera del ruolo, ridiventano persone (quasi) qualsiasi». In mostra, fra i Vip e le Star di ieri e di oggi, troviamo Anita Ekberg, Marilyn Monroe, Jackie Kennedy, Lady D, con scatti di famosi fotografi come Tazio Secchiaroli, Marcello Geppetti, Ron Galella, Lino Nanni e progetti fotografici di artisti contemporanei come Alison Jackson, Ellen von Unwerth e Armin Linke.

Camera
Il Centro Italiano per la Fotografia si trova In Via delle Rosine 18, all’interno del complesso di proprietà dell’Opera Munifica Istruzione denominato Isolato di Santa Pelagia, nell’edificio in cui fu aperta la prima scuola pubblica del Regno d’Italia. L’ubicazione, nel centro della città – tra piazza Vittorio e piazza Castello – a due passi dalla Mole Antonelliana, ne consente un facile accesso da parte di cittadini e turisti. Il Centro ha l’obiettivo di contribuire alla vitalità di un quartiere già animato dalla presenza di enti culturali quali il Museo Nazionale del Cinema, Palazzo Reale, il Museo Egizio e numerose gallerie private. Il progetto di Camera nasce dalla volontà di dotare l’Italia di un Centro dedicato alla fotografia come forma di linguaggio, di documentazione e di espressione artistica, con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la fotografia italiana in un dialogo permanente e creativo con le esperienze internazionali. Mediante studi, sperimentazioni e attività dedicate alla fotografia, l’offerta culturale di Camera vuole stimolare il confronto, suscitare domande e approfondire il racconto della realtà attraverso le immagini. Camera promuove un network internazionale di individualità e istituzioni, la cui collaborazione è volta a sviluppare nuovi progetti che portino l’esperienza e le molteplici potenzialità della fotografia a un pubblico ampio ed eterogeneo.

Informazioni e biglietti
Orari: dal lunedì alla domenica dalle 11 alle 19. Martedì chiuso. Giovedì apertura fino alle 2. Biglietti: € 10 intero minore 12 anni, € 6 ridotto maggiore di 70 anni; minore 26 anni; soci AIACE; soci TCI, gratuito disabili; disabili accompagnati; minore 12 anni; possessori di Abbonamento Musei . Per informazioni: 011 0881150, www.camera.to, camera@camera.to.