17 gennaio 2020
Aggiornato 15:00
Federico Rappazzo

Salvò il piccolo Kelvin dalla folla di piazza San Carlo: premio in arrivo per Federico Rappazzo

Nella maledetta notte del 3 giugno, l'alpino (insieme al 20enne Mohammad Guyele) salvò il piccolo Kelvin facendo scudo con il proprio corpo. Il bimbo ora sta bene grazie ai suoi due angeli custodi

TORINO - Verrà premiato venerdì 18 agosto Federico Rappazzo, il giovane che nella maledetta notte del 3 giugno protesse con il proprio corpo il piccolo Kelvin, facendogli da scudo. Il bimbo, dopo giorni di paura vissuti in ospedale, si è salvato ed è tornato a una vita normale. La finale di Champions League vissuta in piazza San Carlo è solo un brutto ricordo: il merito è di Federico Rappazzo e Mohammad Guyele, i due ragazzi che lo hanno protetto e salvato.

IL RICONOSCIMENTO - Venerdì, a Villa Martina, durante l’incontro con padre Pasquale Castrilli, sarà conferita la benemerenza all’alpino Federico Rappazzo. Un premio meritatissimo, per una persona che durante il caos più totale, quando il panico era sceso in piazza, ha anteposto la vita di un piccolo bimbo alla propria. La benemerenza è un attestato dovuto, ma siamo certi che la soddisfazione più grande per Federico rimane il sorriso di Kelvin, il bambino che ce l’ha fatta e che ora può dimenticare quella maledetta notte e guardare al futuro con speranza.
 

L'alpino Federico Rappazzo e Kelvin, quando si trovava ancora in ospedale

L'alpino Federico Rappazzo e Kelvin, quando si trovava ancora in ospedale (© ANSA)