18 agosto 2019
Aggiornato 03:00
Cronaca

Matteo Penna migliora e viene informato della morte di Elisa: «Non è possibile»

Il ragazzo è stato trasferito dal reparto di Rianimazione a quello di Riabilitazione dell’Unità Spinale. Quando ha saputo della morte della fidanzata è rimasto sconvolto

TORINO - A oltre un mese dalla morte di Elisa Ferrero, Matteo Penna è stato informato della scomparsa della sua fidanzata. Il ragazzo, sopravvissuto alla furia dell’uomo che ha investito lui ed Elisa alla rotonda di Condove, ha appreso la tremenda verità in un giorno positivo per lui, quello del trasferimento dal reparto di Rianimazione a quello di Riabilitazione dell’Unità Spinale del Cto. Una settimana fa era uscito dal coma e da quel momento i suoi progressi sono stati convinti e costanti.

IN CARCERE L’OMICIDA - Quando ha saputo della morte di Elisa, la sua dolce metà, Matteo è rimasto senza parole. Sconvolto per aver perso la sua fidanzata, compagna di vita e di tanti viaggi. «Non può essere vero, non è possibile» avrebbe detto ai suoi cari. Maurizio De Giulio, l’uomo che li ha investiti in pieno con il suo furgone, si trova in carcere con l’accusa di omicidio e lesioni volontarie aggravate. Il gip Alfredo Toppino, forte anche delle tremende immagini dell’impatto tra la moto e l’autovettura, ne ha convalidato l’arresto. Matteo, dal letto dell’ospedale, sta meglio e questa è sicuramente una delle poche buone notizie in questa tristissima vicenda.