26 settembre 2017
Aggiornato 12:30
Sciopero

Attimi di alta tensione alla Comital: scontri tra lavoratori in sciopero e forze dell'ordine, due i feriti

A causa degli scontri davanti ai cancelli dell'azienda due manifestanti sono rimasti feriti. Sul luogo sono intervenuti immediatamente gli operatori del 118. Al momento il presidio è ancora in corso

Sciopero dei lavoratori alla Comital di Volpiano (© Ansa Foto)

VOLPIANO - Si sono registrati momenti di grande tensione questa mattina, mercoledì 23 agosto, al presidio dei lavoratori della Comital, l'azienda di Volpiano che produce laminati d'alluminio per industrie farmaceutiche e alimentari, e le forze dell'ordine. La proprietà francese Aedi vuole chiudere l'azienda e questo comporterebbe il licenziamento di 139 dipendenti  che, dal 31 luglio scorso, presidiano no stop il comprensorio di Volpiano. 

SCONTRI - «Stamani», riferisce la Fiom, «sono arrivati una decina di camion che devono entrare nello stabilimento, probabilmente per caricare macchinari, e i lavoratori in protesta, attualmente una cinquantina, minacciano di sdraiarsi a terra per impedirne l'accesso». Gli autotrasportatori hanno quindi cercato di forzare il blocco ma i lavoratori in protesta si sono posizionati, a mani alzate, di fronte al cancello. Sul posto attualmente sono presenti i carabinieri di Volpiano per cercare di consentire l'ingresso ai camion.   

FERITI - A causa degli scontri davanti ai cancelli dell'azienda due manifestanti sono rimasti feriti. Sul luogo sono intervenuti immediatamente gli operatori del 118. Stando alle prime indiscrezioni sembrerebbe che i due dipendenti Comital abbiano riportato solamente delle lievi contusioni in seguito a una caduta. Al momento il presidio è ancora in corso e proseguono le trattative per consentire l'accesso al comprensorio e risolvere la tensione con i lavoratori.