26 settembre 2017
Aggiornato 11:00
Cronaca

Torino, lo sfalcio diventa un incubo: erbacce abbandonate in strada da mesi

Dopo i ritardi degli interventi, in alcune zone una volta eseguiti i lavori l’erba è rimasta per strada o sui marciapiedi. In via Pietro Cossa una situazione surreale

L'erba abbandonata in via Pietro Cossa (© Antonio Aiello)

TORINO - Lo sfalcio dell’erba a Torino torna a far parlare di sé: dopo i ritardi nell’inizio dei lavori e la querelle legale del Comune con la ditta che avrebbe dovuto eseguirli, in più zone della città cumuli di erbacce sono stati abbandonati in strada, nei marciapiedi. Una situazione che avevamo segnalato già due settimane fa in Circoscrizione 5 e che si presenta anche oggi in via Pietro Cossa. Sì, perché nonostante il taglio di luglio, a fine agosto i cumuli d’erba sono ancora lì, a marcire sotto le piogge o a essiccare sotto il sole.

LA SITUAZIONE - Come detto, il problema riguarda più zone della città ma la situazione più critica si presenta in via Pietro Cossa, all’altezza del civico 293. «I mucchi di erba occupano addirittura i posti delle auto» racconta il signor Antonio, che spiega come sia facile trovare l’erba non raccolta in un perimetro di circa 2 km rispetto alla posizione indicata. In quella parte di città, l’erba era stata tagliata a luglio, oltre un mese fa. Quando siamo ormai arrivati a settembre, i cumuli sono ancora lì, senza che nessuno li abbia mai raccolti.