26 settembre 2017
Aggiornato 11:00
Motociclette

In arrivo più parcheggi per le moto in città, quali saranno le aree coinvolte?

L'amministrazione ha avviato l'ampliamento dei parcheggi per le due ruote in zona centro. «Da gennaio sono stati installati 50 archi di ancoraggio nei pressi della stazione di Porta Susa»

In arrivo più parcheggi per le moto in centro città (© Ansa Foto)

TORINO - A lamentarsi questa volta sono le associazioni di motociclisti torinesi che, spiega l'ex assessore ai trasporti Claudio Lubatti, in Consiglio Comunale, lamentano una scarsa coerenza delle stazioni di sosta per i veicoli a due ruote. Con riferimento particolare al centro cittadino. «La mobilità della nostra città è in continua evoluzione», ha spiegato Lubatti, «e le modalità di trasporto sono cambiate moltissimo rendendo in alcuni casi inadeguate le infrastrutture esistenti». Appurato questo, come risponde il Comune di Torino alle esigenze dei numerosi centauri della città?

PARCHEGGI - La buona notizia, fa sapere l'attuale assessore ai Trasporti Maria Lapietra, è che l'amministrazione ha avviato l'ampliamento dei parcheggi per le due ruote in zona centro. «Da gennaio sono stati installati 50 archi di ancoraggio nei pressi della stazione di Porta Susa» ha dichiarato Lapietra, «trenta a Porta Nuova e 50 su altre 15 aree appositamente istituite». Un sistema decisamente oneroso quello dei varchi di ancoraggio che tenderà a essere affiancato in futuro, da aree indicate solo mediante segnaletica orizzontale e verticale (ben più economiche) in virtù del fatto che i nuovi e più diffusi sistemi di antifurto per le moto non necessitano di ancoraggio a terra. L'inserimento delle nuove aree di sosta a due ruote avverrà tenendo conto delle modifiche della ztl centrale e ascoltando delle necessità dei cittadini e delle numerosi associazioni di motociclisti torinesi.