16 dicembre 2018
Aggiornato 14:30

Precipita in un burrone da 80 metri: 27enne muore in montagna a Ceresole Reale

Il giovane scalatore è precipitato nel vuoto ed è deceduto a causa dei traumi riportati. Salvato dal Soccorso Alpino il compagno di arrampicata, rimasto bloccato in parete senza corde
L'intervento del soccorso alpino
L'intervento del soccorso alpino (Soccorso Alpino)

CERESOLE REALE - Un ragazzo francese di Montpellier di 27 anni ha perso la vita durante una discesa lungo la via Diedro Nanchez alla parete del Caporal, Comune di Ceresole Reale. Il giovane scalatore è precipitato in un burrone da 80 metri e ha perso la vita a causa dei traumi riportati durante la caduta. Illeso il compagno della vittima, salvato dal Soccorso Alpino mentre si trovava bloccato sulla parete, privo di corde. E’ successo ieri sera.

IL DOPPIO INTERVENTO - La chiamata è stata effettuata dallo scalatore sopravvissuto ed è arrivata alle 18:38 presso il Numero Unico Europeo 112: a riceverla la Centrale Operativa di Grugliasco del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Nonostante l’avvicinarsi del tramonto l’eliambulanza del 118 è decollata raggiungendo il luogo dell’incidente dove sono stati sbarcati il Tecnico di Elisoccorso e il medico che hanno constatato il decesso dell’uomo a causa dei traumi riportati durante una caduta da 80 metri circa. In una seconda rotazione altri due tecnici del CNSAS Piemonte sono stati verricellati a monte della via di arrampicata per raggiungere il compagno della vittima, illeso, ma bloccato in parete e privo di corde. Mentre l’elicottero ritornava in base, lo scalatore illeso è stato calato alla base della parete, dove erano in corso le procedure di recupero della salma che è stata ricondotta a valle su una barella e consegnata ai Carabinieri per le operazioni di riconoscimento.