19 novembre 2017
Aggiornato 22:30
Cronaca

Tragedia a Pozzuoli: famiglia precipita in un cratere, la madre era nata a Torino

I commenti dei testimoni si accavallano, tutti simili tra loro, e parlano di una tragedia incredibile e del pianto del bambino sopravvissuto

Solfatara di Pozzuoli (© Google Immagini)

POZZUOLI - Una tragedia che ha coinvolto un'intera famiglia: padre, madre e figlio in visita al vulcano della Solfatara di Pozzuoli. Le tre vittime, Massimiliano Carrer, 45 anni, Tiziana Zaramella, 42 anni, e il piccolo Lorenzo, 11 anni, sono rimaste inghiottite all'interno del cratere e sono morte precipitando all'interno del vulcano stesso. E' sopravvissuto solo il secondo figlio della coppia, rimasto distante dal luogo in cui si è consumata la tragedia. La donna era nata a Torino ma la famiglia viveva da anni a Meolo, in provincia di Venezia. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, il figlio di 11 anni si sarebbe spinto al di là di una zona vietata e i genitori, seguendolo, sarebbero caduti nel nulla a loro volta. 

INCIDENTE - Secondo una prima ipotesi pare che i tre siano morti in seguito alle esalazioni nocive emanate dal cratere. A nulla è valso l'intervento degli operatori del 118 e dei vigili del fuoco, che non hanno potuto far altro che allontanare i turisti accorsi al sito. In seguito alla tragedia, i visitatori all'interno del cratere sono stati evacuati e tutta l'area è stata chiusa per l'intera giornata. I commenti dei testimoni si accavallano tutti simili tra loro e parlano di una tragedia incredibile e del pianto del bambino sopravvissuto.