26 settembre 2017
Aggiornato 11:00
Polizia Municipale

Vigili in piazza, un’iniziativa bocciata o da replicare? La risposta della polizia municipale

L’iniziativa, voluta da Chiara Appendino, è momentaneamente sospesa. Enzo Lavolta accusa: «Troppe aspettative, è una cosa che sottrae risorse ai vigili». Verrà replicata o no?

TORINO - Un camper in piazza, per testimoniare la vicinanza dei vigili alla cittadinanza. Che fine ha fatto l’iniziativa «Civich in piazza», voluta e promossa mesi fa (a gennaio) dalla sindaca Chiara Appendino? Dopo un primo tour nei quartieri infatti, i vigili urbani non si sono più recati nelle varie circoscrizioni e hanno smesso di incontrare i cittadini. L’iniziativa è momentaneamente sospesa e qualcuno ha avanzato alcuni dubbi sul reale valore: «Troppe aspettative e sottraeva risorse umane importanti al corpo della polizia municipale» ha affermato il consigliere del Partito Democratico, Enzo Lavolta. Cosa fare dunque? Sospendere l’esperimento «Civich in piazza» o rilanciarlo? Giunta e polizia municipale hanno preso una decisione: l’iniziativa verrà riproposta.

L’INIZIATIVA E LA POLEMICA - A renderlo noto è il Comandante Vicario temporaneo della polizia municipale, Ivo Berti: «I cittadini hanno apprezzato la vicinanza dei vigili. Metteremo a disposizione un mezzo solo, che turnerà nelle varie circoscrizioni per raccogliere le problematiche e le segnalazioni dei cittadini». In pratica verrà quindi riproposto il modello dello scorso anno: un mezzo dei vigili si farà trovare in un punto strategico del quartiere, ogni giorno in un quartiere differente. Un modo per fare da deterrente, ma soprattutto per rimarcare la presenza sul territorio. Enzo Lavolta, a fronte di un organico sempre più ridotto tra le file della polizia municipale, rimane comunque perplesso: «Tante richieste esulavano i compiti della polizia municipale». I prossimi appuntamenti non sono ancora stati resi noti, ma la calendarizzazione è attesa nelle prossime settimane. Anche Roberto Finardi, assessore alla Polizia Municipale e politiche per la sicurezza ha confermato il suo appoggio all'iniziativa.