26 settembre 2017
Aggiornato 12:30
Droga

Espugnato il fortino dei pusher di Porta Palazzo: 33 arresti, trovati 24kg di droga

Il luogo era conosciuto come il «magazzino all’ingrosso del fumo» e da tempo era diventato il quartier generale di una banda di spacciatori maghrebini

TORINO - Blitz nel fortino dei pusher di Porta Palazzo: si è conclusa con 33 arresti l’indagine svolta dal 2015 dai carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora, che ha permesso di scovare il luogo reso noto come il «magazzino all’ingrosso del fumo», sito in via Lanino, nel cuore di Porta Palazzo. Lo stabile, occupato abusivamente da famiglie di extracomunitari, era diventato il quartier generale di una banda di spacciatori maghrebini.

LE INDAGINI - I clienti abituali? Studenti minorenni, liberi professionisti, operai. Un via vai continuo, perché era in via Lanino che si praticavano i prezzi più convenienti della città. Il gruppo criminale italo-marocchino amministrava e governava lo spaccio della droga in piazza della Repubblica. L’inchiesta ha permesso di sequestrare 24 kg di droga, tra hashish, marijuana, eroina e cocaina, e 11mila euro in contanti. 16 persone sono state arrestate in flagranza e 7 denunciate in stato di libertà. Dall’inizio dell’indagine sono quindi state eseguite 17 ordinanze di custodia cautelare e 16 arresti in flagranza di reato. Le ordinanze hanno colpito 17 soggetti, di cui 14 marocchini e 3 italiani: sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti.