24 aprile 2019
Aggiornato 01:30
Degrado urbano

Ruspe in azione alla Citroen di corso Vigevano: quale futuro per l’ex concessionario?

Tra rifiuti e incuria, da diversi anni il rudere era diventato la casa di clochard. I residenti sperano che una nuova struttura possa contribuire alla riqualificazione della zona

TORINO - Ruspe in azione alla Citroen di corso Vigevano 62: sono iniziati da alcuni giorni i lavori di abbattimento dell’ex concessionaria, passata dall’essere un punto di riferimento per il quartiere a simbolo del degrado in una zona «abbandonata a sé stessa». La Citroen, da anni vuota e trascurata, era infatti diventata la casa di alcuni clochard. A trionfare il degrado e la sporcizia: per questo motivo i residenti hanno accolto con favore e curiosità l’arrivo delle ruspe.

QUALE FUTURO? - I problemi, all’ex Citroen, non erano mai mancati. Qualche anno fa ad esempio, un clochard venne ritrovato carbonizzato, all’interno del rudere. Oggi, guardando le ruspe in azione, quei tragici fatti del 2013 sembrano ormai un lontano ricordo. A due passi da piazza Baldissera, l’ex concessionaria diventerà presto un ricordo per le tante persone cresciute in zona. Cosa sorgerà al suo posto? Per ora non vi sono certezze, ma solo ipotesi: un market cinese o un punto vendita Unieuro. Una cosa è certa: molto presto i lucchetti e le mura sciupate faranno posto a una nuova struttura, i rifiuti e i senza tetto lasceranno campo a un esercizio commerciale e a un via vai di persone. I residenti, stanchi e sfiduciati, sperano di poter tornare a passeggiare dalle parti di corso Vigevano 62 senza voltare lo sguardo da un’altra parte.