20 agosto 2019
Aggiornato 01:00
Pierino Magnelli

Morto dopo il banchetto nuziale del nipote, l'autopsia esclude la morte per trauma cranico

Oggi si sono svolti i funerali di Pierino Magnelli, il pensionato deceduto dopo la festa organizzata dal nipote Fabrizio per il matrimonio con Valentina Fina. In quell’occasione rimasero un centinaio di persone intossicate

TORINO - Pierino Magnelli, il ferroviere deceduto dopo aver preso parte al pranzo nuziale del nipote Fabrizio in cui sono rimasti intossicati oltre cento invitati, non è morto a causa del trauma cranico riportato in seguito alla caduta avvenuta nel bagno di casa delle sorelle, dopo aver perso coscienza. A dare la conferma è stata l’autopsia eseguita nei giorni scorsi. Il pensionato si trovava a casa dei familiari proprio per partecipare alla festa organizzata dal nipote e finita, purtroppo, in dramma. Per accertare la causa del decesso bisognerà dunque attendere i risultati dei test batteriologici che sta eseguendo l’istituto zooprofilattico di Torino a cui sono stati invitati alcuni campioni del pranzo e di alimenti conservati nella Locanda delle Antiche Sere.

FUNERALE - Intanto che si faccia chiarezza su quanto avvenuto, questa mattina si sono celebrati i funerali di Pierino Magnelli. All’ultimo saluto alla chiesa del Cottolengo c’erano una cinquantina di persone tra cui i due sposini Fabrizio e Valentina Fina. «L’ultimo giorno trascorso insieme ti abbiamo visto felice», ha detto il giovane parlando dello zio, «domenica zio ti ho stretto forte a me. La tua scomparsa lascia un ricordo incolmabile e chi o cosa ti ha fatto del male dovrà vivere nell'ombra di aver strappato alla vita una persona speciale, gioiosa e generosa».