17 dicembre 2018
Aggiornato 12:30

Il calcio d'inizio del G7, Appendino invita i ministri a visitare Torino

L'invito ai ministri della sindaca Chiara Appendino nella lettera di benvenuto che i grandi del mondo hanno trovato dormendo a Torino 
Chiara Appendino
Chiara Appendino (Diario di Torino)

VENARIA - Al via la settimana del G7 che riunisce i big delle sette potenze economiche del mondo.Alla Reggia di Venaria stanno arrivando i ministri e le delegazioni che partecipano alla due giorni di summit sull'innovazione, presieduto dal ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. A seguire fino a sabato i vertici sull'Istruzione e sul Lavoro. Al centro dei lavori l'I-7 Innovators Strategic AdvisoryBoard, il gruppo creato lo scorso maggio durante il G7 di Taormina per comprendere le sfide legate all'innovazione digitale, che non possono essere affrontate solo a livellonazionale.
  
APPENDINO -  Imponenti ma discrete le misure di sicurezza intorno alla Reggia, che consentono l'accesso solo alle delegazioni e ai media accreditati. «Sarebbe per noi un grande piacere se, a margine degli importanti impegni calendarizzati, riusciste a trovare tempo per conoscere la nostra Torino, una città incastonata tra le montagne olimpiche, le colline, solcata dai fiumi ed impreziosita di gioielli architettonici che raccontano la nostra storia bimillenaria e quella dell’unificazione d’Italia» . E' queto l'invito ai ministri della sindaca Chiara Appendino nella lettera di benvenuto che i grandi del mondo hanno trovato dormendo a Torino insieme a una bottiglia di Barolo, due libri sulla storia di Torino e una guida turistica.