13 dicembre 2017
Aggiornato 21:30
Scontri G7

Corteo anti G7, gli studenti tentano lo sfondamento verso piazza Carlina: la polizia carica

Dopo un corteo «tranquillo», la situazione è degenerata in corso Vittorio Emanuele angolo via Carlo Alberto. Fermato un ragazzo, la polizia difende piazza Carlina

Scontri tra manifestanti e polizia (© ANSA)

TORINO - Attimi di tensione durante la fine del corteo degli studenti, partito questa mattina da Porta Susa e diretto verso piazza Carlina. Dopo un percorso pacifico e qualche attimo di tensione, il corteo ha tentato di sfondare il cordone di polizia in corso Vittorio Emanuele angolo via Carlo Alberto, con il chiaro obiettivo di raggiungere l’albergo delle delegazioni in piazza Carlina.

GALLERY: LE IMMAGINI DEGLI SCONTRI TRA POLIZIA E ALCUNI MANIFESTANTI

GLI SCONTRI - La polizia, con una carica decisa, ha immediatamente contenuto l’iniziativa. Il cordone delle forze dell’ordine ha retto e non ha consentito il cambio di direzione. Durante gli scontri, durati meno di un minuto, un manifestante è stato fermato: con ogni probabilità si tratta di un ragazzo minorenne. A quel punto il corteo si è sfaldato e gruppi di ragazzi hanno provato a raggiungere alcune delle vie del centro: dei manifestanti sono stati fermati tra via Calandra e via dei Mille. La polizia presidia la zona. Nelle ore precedenti, il corteo ha provato a raggiungere l’Unione Industriale, passando da via Bricherasio, ma ha trovato la polizia a sbarrare la strada. Anche davanti alla Gam c’è stato un tentativo di sfondamento, contenuto senza violenza dalle forze dell’ordine.