13 dicembre 2017
Aggiornato 21:30
G7

«Paradosso Albano?», la risposta della consigliera 5 stelle al corteo anti G7

La risposta della pentastellata Albano arriva in seguito alle voci che sono circolate nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 29 settembre, per cui avrebbe rinunciato a presenziare a una commissione sulla scuola per partecipare al corteo di rivolta contro il G7

Daniela Albano (© Facebook)

TORINO - «Ebbene si questa mattina ero in piazza perché ho deciso di aderire allo sciopero convocato da alcuni sindacati di base» suona un po' come una giustificazione il post apparso poco fa sulla bacheca Facebook della consigliera comunale Daniela Albano. La risposta della pentastellata Albano arriva in seguito alle voci che sono circolate nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 29 settembre, per cui avrebbe rinunciato a presenziare a una commissione sulla scuola per partecipare al corteo di rivolta contro il G7, partito questa mattina da piazza XVIII Dicembre. La piazza al posto delle sale del potere cittadino, si potrebbe riassumere così il "paradosso Albano".

ALBANO - «Non ho partecipato alla commissione che invece mi avrebbe dato il diritto di avere un permesso retribuito ma ho volutamente rinunciato a un giorno di stipendio» ha spiegato Albano nel suo "post-sfogo». I lavori in seduta congiunta delle commissioni quinta e sesta, in cui si affrontava il tema della situazione dell’edilizia scolastica, si sono svolti ugualmente. «Non sono indispensabile e sarebbe stato piuttosto sciocco fermare i lavori per esigenze personali» continua Albano che afferma che continuerà a scendere in piazza al fianco di studenti e centri sociali, fino a quando lo riterrà opportuno.