21 ottobre 2017
Aggiornato 14:00
Cronaca

Saccheggia baite durante i pascoli: preso ladro-pastore incubo della valle

L’uomo, assunto come allevatore degli alpeggi, approfittava dei pascoli e della solitudine dei luoghi in montagna per «visitare» le abitazioni

Il ladro ripreso dalle telecamere (© Carabinieri)

NOVALESA - Avrebbe dovuto essere un semplice pastore, in realtà si trattava di un ladro seriale, capace di diventare il vero e proprio incubo della valle. E’ finita con una denuncia la serie di furti messa a segno da un cittadino rumeno di 25 anni, arrestato dai carabinieri della stazione di Susa. L’uomo, ufficialmente era assunto come pastore, ma preferiva passare il tempo a svaligiare le baite piuttosto che portare al pascolo gli animali.

I FURTI - A smascherare l’attività illegale portata avanti dal finto pastore sono state le telecamere di videosorveglianza installate presso una delle baite. Il ladro è ritenuto responsabile di almeno sei colpi, anche se in realtà potrebbero essere molti di più. Durante gli alpeggi, il cittadino rumeno approfittava della solitudine e delle baite incustodite per entrare nelle case altrui e saccheggiarle. A carico dell’uomo è stata eseguito anche un decreto di perquisizione domiciliare, emesso dalla Procura di Torino. La refurtiva? La più svariata: oggetti ed effetti personali, trafugati in assoluta tranquillità vista l’assenza di persone nel raggio di chilometri.