28 ottobre 2020
Aggiornato 00:30
Appuntamenti

Eventi a Torino, 7 cose da fare venerdì 27 ottobre

Si accendono le luci d'artista, si aprono al pubblico le storiche fabbriche della città e del Piemonte ed ancora ci attendono in città tanti appuntamenti con musica, teatro, ballo e cultura. Ecco qualche consiglio per non perdere i momenti migliori

TORINO – Un venerdì intenso e caleidoscopico quello in città con appuntamenti della tradizione, culturali, ma anche all'insegna della musica, del teatro e del ballo. Ecco i nostri consigli per non perdersi il meglio.

Luci d'artista
Dal 27 ottobre «Luci d'artista» scende nelle vie e nelle piazze per svelarsi, gratuitamente, a tutti. Quest’anno ricorre la ventesima edizione della rassegna nata nel 1997. 24 opere luminose accenderanno la città. L’interruttore resterà acceso per 80 giorni, fino al 14 gennaio e l’inaugurazione avverrà, per la prima volta, lontano da via Roma o piazza San Carlo. Il bottone di accensione sarà premuto in via Di Nanni, in borgo San Paolo, illuminata quest’anno dall’opera «Ancora una volta», realizzata con materiali ecosostenibili e lampadine a basso consumo energetico dall’artista piemontese Valerio Berruti. Il 27 ottobre la GAM ospita il convegno «Vent’anni di Luci d’Artista» e nell’area pedonale di via Di Nanni si inaugura l’opera di Valerio Berruti Ancora una volta. Luci d’Artista è un progetto della Città di Torino realizzato da Iren Servizi e Innovazione e Teatro Regio. Per informazioni: www.contemporarytorinopiemonte.it.

Fabbriche Aperte
Il 27 e 28 ottobre torna «Fabbriche Aperte» l'iniziativa diffusa in tutta la regione vi farà entrare in numerosi stabilimenti, che apriranno le porte per mostrarvi i loro processi di produzione. Dall’automotive al design, dall’agroalimentare al tessile, dall’aerospaziale ai servizi avanzati, dalla meccanica alla chimica, sono tante le eccellenze dell’industria manifatturiera piemontese da conoscere. Scoprirete storie di determinazione e innovazione esempi di cultura d’impresa e di saperi tecnologici. Un mondo affascinante che permette l'affermazione del sistema economico del Piemonte a livello internazionale grazie al saper fare e alla qualità produttiva. Una rete di eccellenze che la strategia regionale punta a rafforzare grazie all'utilizzo mirato dei fondi europei per l'innovazione e la competitività. Per scoprire le aziende aperte a Torino e dintorni visitate il sito: piemontefabbricheaperte.it.

Musica live
Al FolkClub, alle 21.30, la prima delle uniche due date italiane dello spettacolo «50 anni di palcoscenico» della più grande cantante catalana vivente, eccezionale voce mediterranea, Maria Del Mar Bonet. Non è cosa consueta poter celebrare 50 anni di carriera per un’artista che, sin dagli esordi, non ha smesso nemmeno per un momento di essere attiva. Quando si ha un'opportunità come questa ha un senso profondo commemorare e celebrare un evento che è parte integrante della cultura popolare e collettiva. Maria Del Mar Bonet, una delle più grandi voci e una delle migliori artiste di sempre della cultura mediterranea, torna al FolkClub dopo 14 anni per festeggiare, in un concerto speciale, affiancata dal famoso musicista di Valencia Borja Penalba, i suoi 50 anni di palcoscenico. Nata a Maiorca nel 1947, si esibisce per la prima volta a 20 anni nella sua città natale, e arriva a Barcellona nel 1967. Una carriera che, oltre a portare Maria Del Mar Bonet ad esibirsi in una moltitudine di concerti in tutta la Spagna, le ha permesso di ottenere il riconoscimento di tutto il continente europeo, di esibirsi in tour in nord Africa, nelle Americhe, così come, tra gli altri Paesi, in Giappone e in Siria.

Spettacolo
Arriva alla trentesima edizione il festival «Differenti Sensazioni» a cura di Stalker Teatro con la direzione artistica di Gabriele Boccacini, primo anno a Torino per un festival precursore di modelli organizzativi e proposte artistiche innovative, dedicato alle arti contemporanee dello spettacolo ed ai linguaggi multidisciplinari. Alla sua prima edizione nella sede delle Officine Caos di piazza Montale a Torino, il programma del festival, da venerdì 27 ottobre fino a sabato 11 novembre, mette a confronto performance art e interazione sociale, insistendo sui temi dell'innovazione artistica e della diversità, recuperando l'importante esperienza avviata col Festival «Désìdèrà - per un teatro condiviso» e ospitando sedici compagnie in otto serate multiple, quattro workshop con le scuole a cura di «ZonArte», un incontro teorico e conclusivo a ingresso libero sulle tematiche del festival con importanti ospiti, ed infine il Premio Ruggero Bianchi a cui tutti gli spettatori sono invitati a partecipare. Come di consueto, al termine di ogni serata è previsto un rinfresco, occasione d'incontro tra il pubblico e gli artisti. Per informazioni: 011 7399833, www.stalkerteatro.net, info@stalkerteatro.net.

Rassegne musicali
«Indi(e)avolato Torino» torna eccezionalmente a Spazio 211, il primo locale ad ospitare la rassegna 8 anni fa. L'occasione è un doppio live imperdibile, l'unica tappa piemontese del tour dei «Joe victor», e il ritorno a Torino di «Buzzy Lao» ad un anno dall'uscita del suo album e ad un anno dal suo ultimo concerto torinese che fu sold out. Nel 2014 nasce Joe victor. Suona di notte, nei locali di Roma. Dopo un anno di Rock and Roll e Rob Roy pubblica il suo primo lavoro Blue Call Pino Riot nel 2015 per l'etichetta Bravo dischi. In due anni suona più di 200 volte in tutta Italia e all'estero da Vienna, allo Sziget Festival di Budapest e a Londra. Nel 2017 registra il suo secondo lavoro in studio con Matteo Cantaluppi; il disco si chiama «Night Mistakes» e verrà pubblicato il 29 settembre da Bravo Dischi e distribuito da Believe Digital. «Buzzy Lao» è un artista torinese che unisce nella sua musica neo-blues, contaminazioni black e cantautorato italiano, immancabilmente accompagnato sul palco dalla particolare chitarra Weissenborn (resa famosa nella scena alternative blues da altri artisti del genere come Xavier Rudd, Ben Harper e John Butler). Tornato a Torino dopo una lunga esperienza musicale in Uk, rilascia a Gennaio 2015 il primo singolo in italiano «Lacrime d’amore», seguito da una lunga serie di concerti tra le strade e i più interessanti live club torinesi, guadagnando un seguito sempre più folto e condividendo il palco con diversi artisti tra cui Dente, Daniele Celona, Omar Pedrini e Pula+ e partecipando a diversi festival. Ad aprile 2016 incide l'album di debutto «Hula» a Palermo prodotto da Fabio Rizzo.

Teatro
«Santa Cultura in Vincoli 17.18», alla sua quinta edizione, è la stagione teatrale organizzata da Acti Teatri Indipendenti presso San Pietro in Vincoli Zona Teatro, negli spazi storici ed evocativi dell'ex cimitero settecentesco di San Pietro in Vincoli. Anche in questa quinta edizione la stagione sarà dedicata alla drammaturgia contemporanea, ritenendo da un lato fondamentale mantenere in vita, nella «Torino Città laboratorio e dell'innovazione», spazi culturali (ormai sempre più ristretti) dedicati ai nuovi linguaggi performativi e dall'altra continuare l'importante «funzione del teatro» nel presentare opere di autori contemporanei che affrontano tematiche cruciali della società e dell'uomo di oggi. Un teatro di innovazione, quindi, inteso anche e soprattutto come luogo di incontro che possa sollecitare emozioni, riflessioni e dubbi in stretto rapporto partecipativo ed identificativo con lo spettatore. Inizio spettacoli alle 20.45. Per informazioni: 011 5217099, www.teatriindipendenti.org.

Party
Torna all'Hiroshima mon amour «Twist and Shout», la serata che ha rotto gli schemi del clubbing italiano, portando oltre 500 mila persone in 400 date a rivivere le atmosfere dei frenetici anni '50 e '60. In consolle: il duo fondatore di «Twist and Shout», Alessio Granata e Ale Leuci, per allietarvi con le colonne sonore di un’epoca dove la gente aveva voglia di ballare ritmi autentici sino all’esaurimento ed ancora il live dei «The Nasty Beats», il nuovo esplosivo progetto composto da alcuni dei migliori musicisti del genere. Dance show con i pluri titolati ballerini Marco Martignani e Daisy Assabi. Durante la serata free vintage haistylist and make up: acconciature e trucco d'epoca gratuiti con il corner di «Ketty - Vintage Style - Cinieri». Workshop gratuito di ballo '50s dalle 22.30mcon gli insegnanti di «Twist and Shout» e con i maestri della «Honky Tonk School» di Torino. A grande richiesta sarà aperta anche una sala dedicata alle coppie che vogliono cimentarsi con il ballo: Swing, Lindy Hop, Boogie, Jive, Doo Wop, Chicche d'epoca vi accompagneranno nella seconda sala tutta la sera. Apertura Porte alle 22. Ingresso: €10. Prevendite su: www.twistandshout.it.