22 giugno 2021
Aggiornato 13:30
Barattolo

Dopo l’omicidio del 15 ottobre via Carcano si prepara di nuovo al mercatino, ma solo per poco

Il 4 novembre riprende Barattolo in via Carcano, nello stesso luogo in cui poco meno di due settimane fa ha perso la vita Maurizio Gugliotta, 52enne accoltellato da un ragazzo nigeriano

TORINO - Dopo il primo fine settimana di sospensione, anche il prossimo week end il mercatino del libero scambio Barattolo non ci sarà. Il tutto a causa dell’omicidio avvenuto domenica 15 ottobre: poco dopo le 7 Maurizio Gugliotta, un uomo di 52 anni, era stato accoltellato da un nigeriano ventisettenne decedendo poco dopo. La Giunta comunale aveva deciso per la sospensione di due settimane e intanto, in vista del 4 novembre, giorno in cui Barattolo riprenderà a vivere, sono iniziate le discussioni per il necessario adeguamento e preparazione della nuova collocazione dove far confluire le attività finora svolte in via Carcano e in canale Molassi. Il cambio di location dovrebbe avvenire in tempi rapidi.

LEGGI: OMICIDIO AL MERCATINO DEL LIBERO SCAMBIO »

PREFETTURA - Anche in Prefettura stanno lavorando in vista della ripresa delle attività del mercatino del libero scambio. Barattolo, ricordiamo, è un progetto della Città e i venditori che lo animano dovrebbero essere regolarmente registrati versando inoltre una quota per lo spazio occupato. Dietro Barattolo c’è anche un regolamento approvato dal Consiglio comunale e la Prefettura in queste due settimane di stop si è adoperata per verificare che tutto sino a oggi si sia svolto in maniera corretta in un’idonea cornice di sicurezza e legalità.