20 novembre 2017
Aggiornato 18:01
Cronaca

Vallette, luci d’artista distrutte a sassate: «Luoghi che non meritano cultura». E’ bufera

L’intervento di Luca Beatrice, presidente del Circolo dei Lettori, ha scatenato le polemiche. Appendino: «Le ripareremo e ne metteremo ancora di più»

Luci d'Artista in piazza Montale, polemiche dopo la distruzione a sassate (© ANSA)

TORINO - Vandalismo e polemiche. Questa notte alcune persone ignote hanno distrutto le luci d’Artista installate in piazza Montale, nel cuore del quartiere Vallette. Un gesto inqualificabile, che invece di essere stigmatizzato, è diventato l’occasione per un confronto duro e crudo. Da una parte Chiara Appendino e l’amministrazione, dall’altra il presidente della Circoscrizione 5 Marco Novello e il presidente del Circolo dei Lettori, Luca Beatrice.

LE POLEMICHE - Le polemiche maggiori le ha suscitate l’intervento di Beatrice: «Ci sarebbe davvero da discuterne seriamente. Le #lucidartista vandalizzate e distrutte alle Vallette. Per decenni sono state rispettate e amate dai torinesi. Ora a qualcuno per puro spirito demagogico è venuto in mente di portarle in periferia. Ci sono luoghi dove la bellezza e la cultura non arrivano; vanno lasciati al loro triste destino». Apriti cielo. Immediata la reazione del Movimento 5 Stelle: qualcuno è arrivato a chiedere le dimissioni dello stesso presidente del Circolo dei Lettori, ma anche Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura ha invitato  Beatrice a scusarsi. E Novello? Il presidente della Circoscrizione in cui è avvenuto il fatto ha affermato a La Stampa che «c’era da aspettarselo». In questo caso sono stati i consiglieri del M5S in Circoscrizione a chiedere a gran voce le dimissioni del presidente.

PARLA APPENDINO - Se qualche vandalo ha distrutto le luci e diversi torinesi si sono lasciati coinvolgere in una polemica a distanza, diversa è la posizione di Chiara Appendino. La sindaca, pur non citando mai Novello e Beatrice, invece di commentare rilancia: «A Torino non ci sono zone di serie B. Arte, cultura e bellezza sono un diritto di tutti. Abbiamo deciso che non solo quelle luci verranno ripristinate, ma che in quella piazza la Città di Torino sarà ancora più presente, con iniziative feste, giochi e molta più luce». Nei prossimi giorni quindi piazza Montale ritroverà le proprie luci d’artista, anche se l’eco delle polemiche potrebbe farsi sentire a lungo.

Il post di Luca Beatrice

Il post di Luca Beatrice (© Facebook)