19 giugno 2019
Aggiornato 09:30
Cinema Statuto

Tragedia al cinema Statuto, vandalizzata la lapide in memoria delle vittime

La targa recita: «Vittime del Cinema Statuto. Incendio del 13.02.1983 in cui persero la vita 64 persone». Passando in questi giorni di fronte alla targa commemorativa ci si accorge che qualcosa non va: la lapide di marmo è stata barbaramente spezzata

TORINO - Era il 13 febbraio del 1983 e al cinema Statuto proiettavano per la tredicesima settimana consecutiva il film «La Capra». Un momento di svago che, per circa cento spettatori, si è trasformato in un vero e proprio incubo. Le fiamme hanno invaso la sala e in pochi terribili attimi hanno raggiunto cose e persone. Ad avere la peggio, in quel tragico pomeriggio di febbraio, furono principalmente gli spettatori in galleria, per un totale di 64 vite spezzate. In memoria di quel triste giorno è stata posizionata una targa commemorativa nel giardinetto di Largo Cibrario, a pochi passi dallo sventurato Cinema Statuto.

LAPIDE - La targa recita: «Vittime del Cinema Statuto. Incendio del 13.02.1983 in cui persero la vita 64 persone». Passando però in questi giorni di fronte alla targa commemorativa ci sia accorge che qualcosa non va: la lapide di marmo è stata barbaramente spezzata. Un atto vandalico che non passa inosservato e che ci auguriamo possa essere riparato al più presto di modo da onorare il ricordo di quelle vite prematuramente interrote. A questo si aggiunge che, quanto successe al cinema Statuto, fu importante anche per un altro verso: dopo quel tragico evento fu varata una legge sulla sicurezza nei luoghi destinati all'intrattenimento di modo da non ripetere gli stessi tragici errori del passato.