16 novembre 2019
Aggiornato 01:00
Asta comunale

Auto e moto del Comune messe all’asta, affari per i cittadini con i mezzi di sindaci e assessori

La Giunta di Chiara Appendino ha deciso che è arrivato il momento di rinnovare il parco auto con mezzi a minor impatto ambientale. Le vetture vecchie, ma anche le moto, sono state messe all’asta
Palazzo Civico mette all'asta cento auto
Palazzo Civico mette all'asta cento auto ANSA

TORINO - Il Comune si trasforma in un grosso autosalone. La Giunta della sindaca Chiara Appendino ha deciso di snellire il parco vetture di Palazzo Civico approvando una delibera dell’assessore al Bilancio e al Patrimonio, Sergio Rolando, con cui si è deciso per la messa all’asta del parco auto utilizzato negli anni da primi cittadini e assessori, ma non solo. Il bando non è stato ancora pubblicato, ma trapelano indiscrezioni che parlano non sono di mezzi a quattro ruote, ma anche di moto e di mezzi da lavoro.

OPERAZIONE RINNOVAMENTO - «Si tratta di un’operazione legata al progressivo programma di rinnovamento e alla razionalizzazione del parco auto comunale», ha spiegato l’assessore al Bilancio e Patrimonio, Sergio Rolando, «un piano attuato attraverso la sostituzione di una parte dei veicoli con mezzi a nullo o comunque minore impatto ambientale e con caratteristiche che meglio rispondono alle attuali esigenze dei nostri servizi».

IL BANDO - Il bando sarà pronto tra un paio di settimane e chiunque potrà visionarlo sul sito del Comune di Torino alla sezione «bandi». Tutti i mezzi messi all’asta, un centinaio in totale, saranno corredati di foto, caratteristiche e prezzo iniziale. Qualsiasi persona potrà partecipare all’asta: prima di presentare le offerte insieme ai documenti richiesti dal bando, sarà anche possibile visionare i mezzi per scegliere quelli che più rispondono alle necessità degli aspiranti acquirenti. Dopodiché, nel corso di una seduta pubblica saranno aperte le buste e i veicoli aggiudicati ai concorrenti che avranno presentato l’offerta più alta.