21 novembre 2017
Aggiornato 10:33
Piero Angela

Piero Angela cittadino onorario, è ufficiale: «Torino sa fare cose straordinarie»

Il giornalista e divulgatore scientifico, nato a Torino, è stato premiato ieri al Teatro Colosseo da Chiara Appendino e dal presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci

Piero Angela con Chiara Appendino e Fabio Versaci (© CittAgorà)

TORINO - Ora è ufficiale, Piero Angela è cittadino onorario di Torino. Il giornalista e divulgatore scientifico, noto in tutta Italia per lo straordinario lavoro svolto in questi anni con passione e competenza, ha ricevuto ieri l’onorificenza dalla sindaca Chiara Appendino e dal presidente del Consiglio comunale Fabio Versaci. La premiazione è avvenuta al Teatro Colosseo, dopo che il Consiglio comunale aveva votato all’unanimità la mozione presentata dal consigliere Massimo Giovara.

PARLA PIERO ANGELA - Angela, visibilmente emozionato, ha ringraziato lui stesso la città di Torino: è qui che il giornalista è nato, ha studiato ed è qui, negli studi della Rai, che viene registrato il programma più noto di Piero Angela, Superquark. «I torinesi hanno una grande forza interiore, ma la manifestano male: parafrasando il famoso detto, qui c’è molto arrosto ma troppo poco fumo. Dobbiamo imparare a rendere più visibili le cose straordinarie che Torino sa fare». Nonostante gli 88 anni, Angela non ha alcuna intenzione di «andare in pensione», anzi. Il motivo? La forte passione che lo spinge ogni giorno a svolgere il suo lavoro: «Sono in buona salute, perché dovreste mandarmi ai giardinetti? Dice un proverbio: fai un lavoro che ti piace e non lavorerai tutta la vita. Infatti io ho lavorato tanto, ma mi sono tanto divertito»

L’OMAGGIO DI APPENDINO - Sul palco, come detto, anche la sindaca Chiara Appendino che ha onorato così Piero Angela: «Maestro per generazioni di cittadini, un’icona di grande competenza e passione, pioniere della divulgazione scientifica rivolta a un pubblico trasversale. Piero Angela – ha proseguito la sindaca - è la conferma vivente della tradizione scientifica torinese, dalla capacità unica di rendere semplici e accessibili concetti che si pensavano essere patrimonio di pochi scienziati. Forse anche nell’amministrazione pubblica dovremmo imparare a fare questo, per favorire la partecipazione dei cittadini». Fabio Versaci ha invece riportato l’attenzione sul servizio fornito dal noto giornalista: «Un divulgatore scientifico noto a livello internazionale, che ha permesso a milioni di persone di avvicinarsi ai temi scientifici. Piero Angela – ha aggiunto il presidente – ha dimostrato come si possa fare un uso alto del mezzo televisivo, che lo renda un servizio pubblico veramente al servizio dei cittadini».