13 dicembre 2017
Aggiornato 21:30
Quartiere Cenisia

Nuove analisi in via Revello, è ufficiale: «Slitta l’apertura del giardino ai torinesi»

Ve lo avevamo anticipato e ora l’assessore all’Ambiente Alberto Unia ne dà la conferma. La riapertura auspicata per metà dicembre non ci sarà. “Colpa” delle tracce di idrocarburi trovate in una delle tre buche analizzate

I giardini chiusi in via Revello (© Diario di Torino)

TORINO - Adesso la conferma è ufficiale e arriva direttamente dall’assessore all’Ambiente Alberto Unia. «Slitta l’apertura dei giardini di via Revello», ha spiegato ricordando che poco meno di un mese fa aveva auspicato metà dicembre come data utile, «nell’ultimo sopralluogo erano già stati rimossi i tre serbatoi presenti ed eravamo in attesa del risultato delle analisi». Esiti che hanno rilevato tracce di idrocarburi in una delle tre buche presenti. «Abbiamo dovuto allargare la buca e ripetere i prelievi. Ora siamo in attesa dei nuovi risultati».

DATA DA DESTINARSI - Non si può dire ancora quando il giardino di via Revello, quello che una volta ospitava la scuola Casati e successivamente il Gabrio, potrà riaprire ai cittadini. Dipende dall’esito delle nuove analisi. Se questa non dovessero esserci problemi potranno ripartire i lavori e in meno di un mese l’area verde potrebbe essere fruibile da tutti, altrimenti, come ha puntualizzato Unia, «si dovrà ripetere il procedimento con un nuovo allargamento della buca e nuovi prelievi». Cosa che, ovviamente, farebbe slittare ulteriormente la riapertura del giardino.