13 dicembre 2017
Aggiornato 21:30
Sport

«Il delfino di Moncalieri» vince tutto: Carlotta è la nuova stella del nuoto paralimpico

La Gilli, con quattro ori e un argento nei 400 stile libero è, al momento, l'atleta più medagliata della competizione, ma i Mondiali non sono finiti e il "delfino di Muncalè" potrebbe ancora riservare delle sorprese

Carlotta Gilli (© COS - Centro Ortopedico Siciliano)

TORINO - Si chiama Carlotta Gilli, ha 16 anni e nuota per la Rari Nantes Torino e Fiamme Oro. Questo per lei è il primo anno di partecipazione ai mondiali di nuoto paralimpico ma il suo nome è già sulla bocca di tutti. La Gilli infatti ha già conquistato ben quattro medaglie d'oro, l'ultima nei 50 stile libero S12-13 (categoria per atleti ipovedenti), portandosi a casa il record mondiale di 27’’03. La giovanissima e talentuosa Carlotta si era già aggiudicata l'oro nei 100m farfalla (vinti anche questi con il record del mondo di  1.02 e 64) nei 100 metri dorso femminili e nei 100 stile libero. Il risultato è quanto più incredibile se si pensa che Carlotta Gill, afflitta dalla malattia di Stargardt, ha cominciato a gareggiare solo lo scorso anno.

MODIALI - A distinguersi nei mondiali di quest'anno anche Franscesco Bettella che porta a casa un oro nei 50 metri dorso in categoria S1 e Monica Boggioni nei 100 stile libero, classe S4. Alla lista dei successi azzurri si aggiungono poi i tre bronzi giunti nell'ultima giornata, per un totale complessivo di 21 medaglie. La Gilli, con quattro ori e un argento nei 400 stile libero è, al momento, l'atleta più medagliata della competizione, ma i Mondiali non sono finiti e il "delfino di Muncalè», come la chiamano a casa, potrebbe ancora riservare delle sorprese.


 

Gli azzurri ai Mondiali

Gli azzurri ai Mondiali (© FINP Federazione Italiana Nuoto Paralimpico)