11 dicembre 2018
Aggiornato 10:30

Vergogna a Torino: blatte vive nel congelatore di un locale in pieno centro

La polizia municipale ha denunciato la titolare perché somministrava alimenti in cattivo stato di conservazione
Controlli della polizia municipale in diverse zone della città di Torino
Controlli della polizia municipale in diverse zone della città di Torino (ANSA)

TORINO - Blatte vive in un congelatore di un locale in centro a Torino: è questa l’incredibile scoperta degli agenti del Nucleo Polizia Amministrativa e Commerciale della polizia municipale, impegnata negli scorsi giorni in numerosi controlli nei locali della città. Quando i poliziotti hanno aperto la porta del vano congelatore, sulla guarnizione della porta hanno notato la presenza di numerosi parassiti tipo blattella germanica, vivi e in movimento: la titolare dell’esercizio commerciale è stata denunciata, visto che deteneva per la somministrazione alimenti acquistati surgelati/congelati all’origine in cattivo stato di conservazione.

I CONTROLLI - Non si tratta dell’unico locale in cui sono state riscontrate anomalie, anzi: in una bocciofila di Madonna del Pilone, in cucina, all’interno del congelatore erano stoccati alimenti acquistati surgelati e altri acquistati freschi all’origine ma arbitrariamente portati allo stato di congelazione, nonché alimenti in cattivo stato di conservazione. I titolari dell’attività sono stati denunciati perché detenevano per la somministrazione alimenti in cattivo stato di conservazione. Un terzo locale, questa volta in zona Vanchiglia, è stato invece denunciato per aver venduto cibi surgelati, dopo averli spacciati per freschi.

PARLA L’ASSESSORE - «La sicurezza, la lotta all'illegalità restano priorità per questa amministrazione comunale - ha dichiarato l’Assessore alla Sicurezza Roberto Finardi. In occasione delle festività natalizie il Corpo di Polizia Municipale sta intensificando i controlli contro l’abusivismo commerciale effettuando numerosi sequestri. Ma gli elementi più preoccupanti sono emersi dalle ispezioni effettuate negli esercizi di somministrazione dove sono stati riscontrati numerosi casi di alimenti in cattivo stato di conservazione. Questo fenomeno desta molto preoccupazione perché interessa direttamente la salute dei cittadini, e per questo nei prossimi giorni continueremo con controlli a tappeto».