22 ottobre 2018
Aggiornato 07:30

Mercoledì nero per il traffico in città, torna lo sciopero (di 24 ore) dei lavoratori di Gtt

Metropolitana, tram, autobus e servizio ferroviario metropolitano fermi per tutta la giornata. Sono garantite comunque le fasce protette
Oggi sciopero dei lavoratori Gtt
Oggi sciopero dei lavoratori Gtt (ANSA)

TORINO - «Dopo aver denunciato per anni una gestione iniqua, costosa, inefficiente e priva di trasparenza, ancora una volta nostro malgrado ci vediamo costretti all’ennesima battaglia in difesa delle lavoratrici, dei lavoratori e delle loro 4.700 famiglie». Torna quest’oggi lo sciopero dei dipendenti Gtt: 24 ore senza mezzi pubblici, con le fasce protette garantite, ma con un sicuro disagio creato a chi tutti i giorni si sposta per la città in metro, bus o tram e che invece si vede costretto a prendere un mezzo alternativo. Difficile che i torinesi possano scegliere il taxi, l’auto o le nuove biciclette in condivisione, molto più probabile che migliaia e migliaia di cittadini si affidino alla propria auto privata.

MERCOLEDI NERO - Inutile dire che il traffico sarà congestionato sin dalle prime ore della mattina. E a poco servono le fasce protette che garantiscono, come la legge prevede, il passaggio dei mezzi pubblici per qualche ore. In particolare il servizio urbano e suburbano è garantito dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15. Anche la metropolitana è attiva nello stesso orario. Capitolo autolinee extraurbane: fasce garantite da inizio servizio alle 8 e dalle 14:30 alle 17:30. Quest’ultima fascia di garanzia viene applicata anche al Sfm1 e SfmA. Contemporaneamente allo sciopero è previsto volantinaggio da parte dei lavoratori Gtt di fronte alla stazione di Porta Nuova. Nei volantini tutta la motivazione della nuova (ma anche vecchia) protesta.