22 ottobre 2018
Aggiornato 08:30

Devastato il canile di via Germagnano: «Sono stati i rom, ora basta. Vogliamo l’esercito»

Durissimo l’attacco del responsabile di Enpa Torino: «Fate gli sgomberi che tanto favoleggiate prima che succeda qualcosa a uomini o animali»
I danni al canile Enpa di via Germagnano
I danni al canile Enpa di via Germagnano (Enpa Torino)

TORINO - Torna sotto attacco il canile Enpa di via Germagnano. Nella notte, alcune persone non identificate hanno distrutto alcuni infissi e danneggiato l’impianto di videosorveglianza del canile che si trova poco distante dai campi nomadi legali e abusivi presenti in via Germagnano. A trovare la gradita sorpresa, questa mattina, alcuni operatori del canile che hanno subito notato i danni arrecati alla struttura. Marco Bravi, responsabile di Enpa Torino, sbotta dopo l’ennesimo attacco: «L'origine dell'attacco sembra dei 'soliti noti' visto che pare inverosimile che terzi si introducano furtivamente ed attraversino tutto il campo ROM per poi giungere al muro di cinta, lavorino indisturbati per mezzora almeno di scalpeĺlo, entrino, danneggino per poi rifare il percorso a ritroso; ma qualche anima bella disposta a sostenere questa tesi la troveremo senz'altro».

ESERCITO O SGOMBERO - Cosa fare ora? I danni verranno ripristinati, o la struttura rischia di rimanere esposta. Le spese, ovviamente, sono a carico di Enpa, costretta a subire l’ennesimo episodio di vandalismo. Quale soluzione dunque? L’auspicio di Marco Bravi è che l’esercito, che ha abbandonato il campo nomadi da mesi, possa tornare a presidiare il territorio per garantire la sicurezza: «Siamo lasciati in balia di questa gente e tutto ormai è come prima dei militari, la cui presenza ha garantito l'unico periodo privo di intrusioni che abbiamo avuto. Via Germagnano e quanti vi abitano ed operano sono le vittime sacrificali al "politicamente corretto" di Autorità che non sono evidentemente in grado di gestire il problema e preferiscono assecondare gli anarcoidi che scrivevano «VIA I MILITARI DAI CAMPI ROM». Ridate alla gente per bene la protezione dei militari o fate gli sgomberi che favoleggiate. Diversamente prima o poi succederà qualcosa di irreparabile a uomini o animali che cadrà sulla coscienza di chi medierà, valuterà, provvederà invece di agire ora».