16 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Più furti d'auto nella periferia Nord della città, trovati box con macchine rubate

Nel corso delle indagini, infatti, sono stati individuati diversi “siti” (box, capannoni e terreni) ubicati in Settimo Torinese, Gassino Torinese, e Sciolze

TORINO - Le indagini, avviate dalla Polizia Stradale di Torino e di Susa nel giugno del 2016, a seguito di  un preoccupante aumento di furti d'auto di piccola e media cilindrata (Fiat Panda, Fiat 500, Fiat Qubo, Fiat Doblò) nell’area metropolitana torinese periferia Nord e di numerosissimi furti all'interno di autocarri si sono incrociati, nel novembre del 2016, con una attività parallela dei Carabinieri di San Mauro Torinese.

INDAGINI - Le indagini portate avanti dalla Polizia Stradale per circa un anno, hanno consentito di individuare 12 persone ritenute responsabili a vario titolo di furto, ricettazione e riciclaggio di autoveicoli, in relazione a complessivi 111 capi di imputazione. Nel corso delle indagini, infatti, sono stati individuati diversi «siti» (box, capannoni e terreni) ubicati in Settimo Torinese, Gassino Torinese, e Sciolze, dove le auto rubate venivano smontate a «pezzi» e stoccate, prima di essere riciclate da un autodemolitore di Lecco, originario di Corleone (PA), anch’egli raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

ARRESTO - Nella mattinata del 14 dicembre gli operatori della  Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Torino e della Sottosezione Polizia Stradale di Susa, coadiuvati nell’esecuzione dai Carabinieri delle Stazioni territoriali competenti, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare a carico di 7 persone (6 in custodia cautelare in carcere e 1 agli arresti domiciliari). Sono state contestualmente eseguite perquisizioni locali e personali, che hanno consentito di sequestrare: un’area recintata adibita a demolizione abusiva all’interno della quale erano custoditi 6 autocarri e un’autovettura risultati rubati tra l’anno 2009 e il 2015; 2 trapani e un generatore di corrente rubati; 5 macchine pronte per essere riciclate, un motocarro Ape Piaggio e un camper di provenienza furtiva. Ancora, è stato posto sotto sequestro un box con all’interno un’autovettura rubata e componenti di auto di provenienza illecita; parti di autovetture (portiere, chiavi, etc.) e un Land Rover Range Rover Evoque di provenienza illecita