21 ottobre 2018
Aggiornato 13:30

Una folle moda impazza tra i giovani di Torino: in cima al grattacielo per un selfie

Il folle gioco dei due si chiama "urban climbing" ed è lo stesso che, solo pochi giorni fa, è costato la vita al cinese Wu Yongning, morto a soli 26 anni
Urban Climbing a Torino
Urban Climbing a Torino (Instagram)

TORINO - Una nuova, pericolosissima, moda sta facendo in questi giorni molto parlare di sé a Torino. A farsi portavoce dell'ultima tendenza tra i ragazzi sono due adolescenti apparentemente disposti a qualsiasi cosa pur di accaparrarsi un like sui social network. I due giovanissimi per ingraziarsi il pubblico di followers sono saliti a mani nude fino alla cima del grattacielo della Regione Piemonte e, una volta raggiunta la vetta, si sono scattati un bel selfie ricordo che ha fatto immediatamente il giro del web. 

GIOCO - Il folle gioco dei due si chiama "urban climbing" ed è lo stesso che, solo pochi giorni fa è costato la vita al cinese Wu Yongning, morto a soli 26 anni precipitando dal 62esimo piano del grattacielo Huayuan International Centre di Changsha. La sfida consiste essenzialmente nell'arrampicarsi in cima a una struttura urbana, incuranti del pericolo, dei divieti, di tutto e scattarsi una foto da lassù per poi poterla ovviamente condividere con gli amici virtuali. Il brivido di sfidare la morte e di guadagnarsi, a quasi 200 metri di altezza, un momento di adrenalina e di popolarità, è ciò che spingerebbe i giovani torinesi verso il quartiere Lingotto, fino alla cima del grattacielo della Regione Piemonte.

Urban Climbing a Torino

Urban Climbing a Torino (© Instagram)