17 dicembre 2018
Aggiornato 08:30

Madre denuncia figlio e lo fa arrestare, ventunenne in manette a San Salvario

Il giovane era agli arresti domiciliari e la madre aveva garantito per lui, ma quando ha scoperto cosa faceva insieme a un complice lo ha denunciato

TORINO - Era ai domiciliari ma ciò non gli ha impedito di compiere, insieme a un complice, sedici rapine a banche, supermercati e centri scommesse. A «tradirlo» è stata la madre, una persona onesta che aveva garantito per lui ma che, quando ha scoperto cosa facesse in realtà il figlio, lo ha denunciato ai carabinieri di San Salvario facendolo arrestare.

FIGLIO DI 21 ANNI - Nonostante la giovane età il ragazzo era già stato messo agli arresti domiciliari. Luigi G. di 21 anni ha messo i colpi a segno tra i mesi di febbraio e novembre insieme al trentacinquenne Angelo F. armati di pistole o coltelli. Le loro vittime preferite erano, come detto, banche, supermercati e centri scommesse ubicati a Torino e a Venaria Reale. Le rapine sono state accertate anche dai video di sorveglianza dei diversi locali rapinati.