16 ottobre 2018
Aggiornato 03:00

Eventi a Torino, ecco cosa fare mercoledì 20 dicembre

Musica, cultura, shopping di Natale e tanto altro. Ecco che cosa vi aspetta in città e come muoversi per non perdere i momenti migliori
Torino, ecco cosa fare mercoledì 20 dicembre
Torino, ecco cosa fare mercoledì 20 dicembre (Shutterstock.com)

TORINO – Dal genio di Ludovico Einaudi in concerto, agli spettacoli a teatro, fino agli ultimi mercatini di Natale. Ecco qualche consiglio per godersi il tempo libero in città e non lasciarsi sfugire gli appuntamenti più interessanti.

Musica live
Ludovico Einaudi in concerto all'Auditorium Giovanni Agnelli a Lingotto Fiere. Einaudi, pianista e compositore, è figlio dell'editore Giulio Einaudi e di Renata Aldrovandi e nipote di Luigi Einaudi, presidente della Repubblica dal 1948 al 1955. Inizia la sua carriera da musicista nel jazz rock, entrando nel complesso torinese «Vengoni & Co». Contemporaneamente prosegue gli studi classici e si diploma al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Nella sua carriera ha composto le colonne sonore di diversi film e trailer, tra cui «Quasi amici» e «Joaquin Phoenix - Io sono qui!», la miniserie «Dottor Zivago», e «Acquario» nel 1996, per il quale ha vinto la Grolla d'oro per la migliore colonna sonora. Ha anche pubblicato diversi album da solista di pianoforte e orchestra, in particolare «I giorni» nel 2001, «Nightbook» nel 2009, e «In a Time Lapse» nel 2013. «Taranta Project», un album collaborativo, è stato pubblicato nel maggio 2015, ed «Elements» nel ottobre 2015.

Concerti
Al Blah Blah di via Po, il live dei «The Bastard Sons of Dioniso». «Cambogia» è il titolo del nuovo album di inediti di «The Bastard Sons of Dioniso» in uscita il 1 dicembre, in arrivo dopo sei dischi, un Ep e quasi 600 concerti. L’album è stato anticipato dal singolo «Non farsi domande», il cui video (regia di S. Bellumat) è stato pubblicato in anteprima su Repubblica.it. Nati come power trio nel 2003, «The Bastard Sons of Dioniso» hanno conquistato un apprezzamento via via crescente: sia in forma hard’n’roll (chitarra/basso/batteria), sia in versione unplugged con chitarre acustiche, nel quale ripropongono pezzi originali. Con un disco d’oro alle spalle (L’Amor Carnale), il trio dei Bastard ha avuto la fortuna di suonare nei maggiori festival rock italiani e di essere opening act di artisti importanti come Ben Harper, Robert Plant e Green Day. La loro musica prende spunto dal rock degli anni ’70, con venature hard di matrice zeppeliana e vocalizzi a tre voci che strizzano l’occhio ai Beatles ma anche a Crosby Stills Nash & Young.

A teatro
Al Teatro Sociale di Pinerolo, «Il berretto a sonagli». Ispirata alla novella di Pirandello del 1912 «Certi obblighi», lo spettacolo racconta la storia di un uomo giovane, poco più che quarantenne, che tradito dalla moglie accetta la condanna e la pena di spartire l’amore della propria donna con un altro uomo. Il personaggio di Ciampa, apparentemente grottesco, è in realtà nella lettura di Sebastiano Lo Monaco, straziante, eroico e pieno di umanità. Un’umanità silenziosa e astuta che gli dà la forza di difendere la sua infelicità coniugale contro la società ridicola di quel tempo, per salvare il «pupo» cioè la sua rispettabilità nella Sicilia dei primi del Novecento. Si salverà il nostro protagonista, dall’essere deriso, come si fa coi buffoni che portano sul capo il berretto della vergogna? Di Luigi Pirandello; con Sebastiano Lo Monaco, Maria Rosaria Carli, Claudio Mazzenga, Clelia Piscitello, Rosario Petix, Lina Bernardi, Maria Laura Caselli; con la partecipazione di Gianna Giachetti; regia di Sebastiano Lo Monaco.

Libri
Mercoledì 20 dicembre alle 18 al Circolo dei lettori la presentazione di «Questa nostra Italia» (Einaudi) con Corrado Augias. Perché possiamo dirci italiani?  A settant’anni dalla firma della Costituzione, Corrado Augias compie un viaggio nei luoghi della memoria collettiva e in quelli del suo cuore.  E scrive un’opera civile e insieme intima, che scava alla ricerca di un’identità comune, nel bene e nel male, le cui radici affondano nei mille diversi volti di un paese grande, bellissimo e tormentato. Ci si sposta dall’infanzia dell’autore tra la Libia e Roma occupata alle esperienze come corrispondente estero, ci si muove dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, passando per Bologna dove il Nord incontra il Sud, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo, senza tralasciare la provincia, come la Recanati di Giacomo Leopardi.  Si incontrano grandi scrittori e poeti che all’Italia come nazione hanno dato volto, carattere e lingua prima ancora che esistesse uno Stato.  E alla fine resta la scoperta di un Paese diviso ma ricco di enormi potenzialità alle quali raramente accade di pensare.

Mercatini
Al Borgo Medievale, dal 20 al 23 dicembre, una speciale mostra mercato è dedicata al legno-arredo, moda, artigianato artistico e alimentare (pasticceria, birra, vino), frutto di un artigianato d’eccellenza, è organizzata e coordinata da Confartigianato Torino. Si tratta di un’interessante opportunità di promozione e vendita dei prodotti esposti, rivolta al pubblico torinese e ai turisti, con la possibilità di ammirare e di acquistare direttamente dagli artigiani prodotti di eccellenza.  Sarà piacevole passeggiare per le vie e i cortili del Borgo alla scoperta dei manufatti, per degustare i prodotti del territorio e farsi incantare dalla scenografia del paesaggio.