27 giugno 2019
Aggiornato 02:30
Arte e cultura

Il nuovo volto della GAM: un viaggio indietro nel tempo nella storia della galleria

Il riallestimento è stato guidato dalla direttrice della Gam Carolyn Christov-Bakargiev

TORINO - La Gam di Torino inaugura una nuova esposizione permanente delle sue collezioni con un allestimento innovativo. Viene infatti abbandonato l'ordinamento tematico per offrire al pubblico un percorso che ricompone la storia delp rimo Museo Civico d'Arte Moderna d'Italia, raccontando la storia dell'arte moderna attraverso le proprie raccolte, le acquisizioni e le politiche culturali promosse dai suoi direttori. Tra questi Pio Agodino, il primo alla guida del museo, Emanuele d'Azeglio, Vittorio Avondo, Enrico Thovez, Lorenzo Rovere, Vittorio Viale e Luigi Mallé.

GAM - Il riallestimento, guidato dalla direttrice della Gam Carolyn Christov-Bakargiev, è curato per l'Ottocento da Virginia Bertonecon Fabio Cafagna e Filippo Bosco, e per il Novecento da Riccardo Passoni con Giorgina Bertolino. Le linee di lettura sono tre: la storia dell'arte, la storia del museo e il contesto storico, sociale ed economico di Torino nella cornice degli avvenimenti nazionali e internazionali.