17 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

Botta e risposta a distanza tra Comune e Fondazione Musei, è polemica sui licenziamenti

Leon e Cibrario si troveranno faccia a faccia durante la commissione cultura che si terrà venerdì 22 dicembre in Comune
Musei Torino
Musei Torino (Diario di Torino)

TORINO - Dopo l'annuncio di questa mattina, comunicato dalla Fondazione Musei ai sindacati, del licenziamento di 28 dipendenti è scoppiata la polemica. La risposta del Comune di Torino è arrivata tempestiva: «E' un atteggiamento avventato, che disattende le decisioni della Città tese a salvaguardare i posti di lavoro per mezzo del ricollocamento». Non ci sta però il presidente della Fondazione Musei, Maurizio Cibrario che, a margine della presentazione del nuovo allestimento della GAM coglie la palla al balzo per rispondere. Cibrario precisa innazitutto che, essendo stato operato un taglio del 27% del contributo era inevitabile procedere con una riduzione del personale. 

MUSEI -  Le proteste dei lavoratori intanto continuano senza sosta e il tempo per trovare una soluzione è sempre meno. Nonostante tutto l'assessora alla Cultura Francesa Leon continua a essere positiva: «La Città continuerà a fare la sua parte, indicando percorsi e soluzioni per tutelare la Fondazione, i suoi dipendenti e il loro patrimonio professionale». I due, Leon e Cibrario si troveranno faccia a faccia durante la commissione cultura che si terrà venerdì 22 dicembre in Comune. Intanto, durante la presentazione della nuovo collezione alla GAM sono volati insulti. Cresce la tensione.