14 dicembre 2018
Aggiornato 08:00

Eventi a Torino, 7 cose da fare venerdì 22 dicembre

Tanta musica, spettacoli natalizi e appuntamenti a teatro. Ecco che cosa vi attende per questa serata torinese e come fare per non perdersi il meglio
Torino, 7 cose da fare venerdì 22 dicembre
Torino, 7 cose da fare venerdì 22 dicembre (Shutterstock.com)

TORINO – Vinicio Capossela in concerto, musiche di Natale, grandi spettacoli a teatro. Ecco qualche consiglio per iniziare bene in weekend scegliendo tra gli appuntamenti più interessanti.

Vinicio Capossela alle Ogr
Alle Ogr di Torino (Officine Grandi Riparazioni, Corso Castelfidardo 22), alle 21,  Vinicio Capossela metterà in scena «I cerini di Santo Nicola», un «Racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni» di ispirazione natalizia. Si tratterà di fatto della prima e unica messa in scena di un testo originariamente concepito come radiodramma, andato in onda la notte di Natale del 2002, una rappresentazione che sarà arricchita dall’apparizione straordinaria di Paolo Rossi come ospite speciale. Sono passati 15 anni dal 2002 quando, con Jacopo Leone e Francesca Leoncini, Vinicio Capossela identificò il protettore delle vittime dei propri errori, un protettore degli scappati di casa, in San Nicola, nome comune tra gli emigrati meridionali, parente di quel Nicolaus, che fu il primo portatore di doni. San Nicola si identifica con i cerini di legno, che donano alle persone la capacità di sapersi parlare. La parte musicale sarà affidata ad una scarna orchestrina di senza dimora attorno al fuoco di un bidone. Nel repertorio, oltre a composizioni di Vinicio Capossela come Canzone a manovella, Non c’è disaccordo nel cielo, In clandestinit» e I pianoforti di Lubecca, alcuni riadattamenti di canzoni natalizie in versione italiana come Campanell’ (Jingle bells) e Santo Nicola è arrivato in città (Santa Claus is coming to town).

Concerti di Natale
Alle 21, nella Cattedrale di San Giovanni Battista di Torino (Duomo), il coro «Vox Viva», diretto dal maestro Dario Piumatti, presenta un concerto dal titolo Racconti, una serata che attraverso la musica, racconta il Coro e il suo cammino. Racconti di sguardi e incontri, racconti di Natale e di mistero con musiche dal tardo romanticismo al contemporaneo, passando per la tradizione di tutto il mondo. Tra gli autori eseguiti Rheinberger, Ešenvalds, Randall Stroope, Matsushita.

Musica live
La «New York Ska Jazz Ensemble» torna in Italia per il consueto tour natalizio, una vera e propria tradizione per la band e propri i fan italiani. Il collettivo americano si esibirà il prossimo 22 dicembre all’Hiroshima Mon Amour di Torino. New York Ska Jazz Ensemble è un progetto creativo dallo stile unico. Un insieme di musicisti eterogenei che non perde occasione per tornare ad esibirsi dal vivo, attività che negli anni non sembra stancarli, al contrario i loro show sono da sempre una vera garanzia. Per capire le potenzialità di questo insieme di musicisti, basterebbe dire che i suoi componenti provengono da band come Toaster, Scofflaws e Skatalites. Multiculturali, aperti, con un sound che spazia dallo ska al reggae, dalla dance hall al rocksteady, la New York Ska Jazz Ensemble è da sempre la colonna sonora ideale per una serata di festa e allegria. Ritmi incalzanti a cui è difficile sottrarsi, sanno contagiare il pubblico con la loro incredibile energia e ogni volta soddisfano le aspettative, portando sui palchi di tutto il mondo show fenomenali. Nati a New York, come side project dei The Toasters dai quali ereditano il frontman e sassofonista Fred «Rocksteady» Reiter, sono una di quelle geniali e instancabili formazioni che vanno sempre oltre gli schemi.

A Teatro
Al Teatro Alfieri, «A Christmas Carol» il musical. Il vecchio Scrooge, dopo la morte del suo socio d’affari Jacob Marley, continua a condurre il suo banco d’affari con cinica avarizia rifuggendo da ogni rapporto umano e affamando il suo sfortunato impiegato Bob Cratchit. Scrooge soprattutto odia il Natale e nemmeno l’invito a cena di suo nipote riesce a fargli cambiare idea. La notte di Natale riceve però la visita del fantasma del suo defunto socio Jacob Marley che gli rimprovera la sua grettezza e gli annuncia la visita di tre spiriti destinati a redimerlo. Lo spirito dei Natali passati gli mostra gli errori della sua vita passata, lo spirito del Natale presente gli fa vedere la felicità che il Natale genera nella gente, il divertimento da cui Scrooge volontariamente si esclude, mentre lo spirito dei Natali futuri gli mostra il suo orrendo destino qualora non modificasse la vita che ora conduce.Dopo la visita degli spiriti Scrooge si risveglia la mattina di Natale profondamente

Spettacolo
Al Teatro della Caduta è in programma «Blues Baby Blues», nuovo format in collaborazione con Feel Good Swing. Quando arriva il Blues il sangue ribolle nelle vene, i corpi scalpitano, gli animi si incendiano... che la festa abbia inizio. Feel Good Swing presenta una serata tutta dedicata alla musica Blues: da ascoltare, da ballare, da amare. Ci sarà spazio per un bicchiere al Caffè della Caduta, per ascoltare buona musica oppure scatenarsi in pista. Accanto alle selezioni di puro groove una band dal vivo proporrà del buon blues, per fingere di essere a spasso tra Chicago e New Orleans, ripercorrendo le orme di Sonny Boy Williamson, Nina Simone, Slim Harpo, Etta James, Robert Johnson, Charlie Patton, Muddy Waters, John Lee Hooker, Little Walter, Willie Dixon, Buddy Guy e chi più ne ha più ne metta. Sarà un assaggio, una chicca creata ad hoc per le dimensioni ridotte della Caduta. Un esperimento che potrebbe portare, anche allargando orizzonti e collaborazioni una nuova idea di serata di ballo e musica dal vivo all’insegna di swing, blues e jazz in spazi non convenzionali della città. Gli spettacoli si tengono in via Bava 39 al Caffè della Caduta alle 21.

Varietà
Anche il 22 dicembre il palcoscenico de Le Musichall ospita il «Gran Varietà», lo spettacolo che inaugura ufficialmente il teatro torinese, sotto la direzione artistica di Arturo Brachetti. Con quello che si può definire una sorta di «zapping teatrale» con numeri di ballo, canto, teatro, circo e poesia che si alternano a ritmo incalzante, Le Musichall diventa così la prima casa d’Italia di quell’arte teatrale che ha fatto la storia dello spettacolo internazionale: il varietà. Un’esibizione unica dedicata a un genere che richiama la tradizione, ma qui proposto in chiave contemporanea e dinamica. 
Frizzante e comico, goliardico e ammiccante, a tratti onirico e surreale, il Gran Varietà travolge il pubblico con una storia, anzi con tante storie diverse che non hanno un filo conduttore. Lo spettacolo in cartellone è leggero, disimpegnato, ma intelligente e di qualità, proseguendo così la proposta offerta dal teatro e quello che intende rappresentare. Sul palco una girandola di artisti, quattordici, dalla formazione più diversa: ci sono le ballerine di can can e gli acrobati, i cantanti, i clown, gli attori comici, i maghi, a formare una compagnia d’eccezione selezionata dalla Torino Musical Academy che ha collaborato alla realizzazione dello spettacolo, la cui regia è curata da Stefano Genovese.

Musica classica
Alle 16  presso la Sala Plebisciti del Museo Nazionale del Risorgimento, in piazza Carlo Alberto 8, si svolge il Concerto di Natale degli allievi del Liceo Musicale Cavour di Torino. Si esibiranno gli studenti dei corsi di flauto, chitarra, violino, violoncello e marimba su brani di Sor, Mozart, Legnani, Schubert, Debussy, Bach, Paganini, Peters, e Glennie. Il concerto è riservato a tutti i visitatori del Museo; per assistervi occorrerà pagare il consueto biglietto di ingresso. I possessori delle tessere Abbonamento Musei o delle altre card turistiche  dovranno esibirle in biglietteria.