21 ottobre 2018
Aggiornato 15:00

Numeri da record per l’azienda, tredicesima doppia per i 500 dipendenti della Spea di Volpiano

L’azienda, che tra i suoi clienti Apple e Samsung, ha deciso di premiare tutti i proprio lavoratori con un regalo in busta paga. "Il merito è soprattutto loro"
La sede di Volpiano
La sede di Volpiano (Spea)

TORINO - In un mondo dove la disoccupazione è a livelli record e dove la crisi sembra infinita per molte famiglie ci sono aziende che sorprendentemente (ma fortunatamente) vanno ancora controtendenza. Una di queste è la Spea di Volpiano, costituita da ricercatori e ingegneri specializzati, impegnati a sviluppare soluzioni di collaudo sempre innovative che hanno a che fare con le tecnologie elettroniche, che ha deciso di dare una doppia tredicesima ai suoi dipendenti che sono 540. Un premio per i risultati raggiunti e «per condividere con tutti gli utili di un anno da record». I numeri in questo parlano chiaro: nel 2017 il fatturato ha superato i 100 milioni di euro con un incremento del 16% rispetto all’anno scorso. In più ci sono state 60 nuove assunzioni.

LE TASSE - Non si sono fatti influenzare ma comunque pesano. «Anche questa tredicesima bis è sottoposta a prelievo fiscale ma non ci sembra giusto, perché almeno i regali non dovrebbero essere tassati». Come dicevamo, ciononostante, hanno voluto premiare i loro dipendenti e manager: «Il merito di questi numeri va anche e soprattutto ai lavoratori», ha spiegato il fondatore Luciano Bonaria che con il figlio amministra l’azienda. Quest’ultimo ha aggiunto: «Se la società opera bene e prospera, siamo felici di condividere i proventi con quanti lavorano con noi, con una competenza e un entusiasmo alla base della nostra eccellenza». Tra i clienti della Spea di Volpiano ci sono anche Apple e Samsung.