14 dicembre 2018
Aggiornato 09:00

Appendino scrive ai torinesi per Natale: il messaggio di auguri della sindaca

Come l’anno scorso, la prima cittadina ha scritto una lettera ai torinesi: la comunità il centro del messaggio della sindaca
Chiara Appendino e il messaggio di auguri per i torinesi
Chiara Appendino e il messaggio di auguri per i torinesi (ANSA)

TORINO - Chiara Appendino torna a scrivere ai torinesi. Come spesso accade durante le feste o in occasione della presentazione di provvedimenti importanti, la sindaca ha voluto comunicare direttamente con i cittadini. Il «centro» del messaggio di Appendino? Il concetto di comunità. Tra un grazie a chi lavorerà in queste ore e gli auguri, questo il messaggio natalizio della prima cittadina:

Buongiorno a tutte e tutti. 
Oggi è la Vigilia di Natale e anche quest’anno ci tenevo a prendermi del tempo per dedicarvi alcune parole in occasione di questa importante ricorrenza.

È stato un anno impegnativo e, tra qualche giorno, in occasione della fine dell’anno, avremo modo di fare alcune riflessioni a tal proposito e di aprire lo sguardo sul 2018 che ci attende.

Quello su cui vorrei che a Natale ci soffermassimo è la capacità che la nostra comunità ha avuto di agire e lavorare insieme, nell’interesse di tutte e tutti. Unendoci. Tanto nei momenti felici quanto nelle difficoltà.

In queste ore molti di voi stanno ritrovando questo spirito di unione per celebrare le festività. In tanti stanno tornando a casa o stanno dedicando il tempo rimasto ad un gesto o un pensiero nei confronti dei propri cari. Il mio augurio è che ognuno di voi possa vivere questi momenti con la serenità che desidera e con uno sguardo di speranza verso gli obiettivi che si è prefissato.

Tuttavia voglio anche rivolgere un pensiero a chi in questo Natale, per qualsiasi motivo, non incontrerà questa gioia. Penso a chi soffre per causa della povertà, della malattia, della solitudine o della mancanza di un proprio caro. A tutti loro va il mio augurio di un Natale di vicinanza, fermamente fiduciosa nella solidarietà che la Città saprà esprimere e per la quale va il mio più profondo ringraziamento.

Un grazie - come sempre in queste occasioni e con immutata profondità - va anche a quanti in questi giorni saranno al servizio della Comunità, per garantire assistenza e sicurezza. Penso a medici, infermieri e personale sanitario che in questo Natale indosseranno il camice nelle corsie di un ospedale. Penso alle Forze dell’Ordine e alla Polizia Municipale che sorveglieranno le nostre strade. Penso ai Vigli del Fuoco, alla Protezione Civile e a chi per qualsiasi motivo sarà pronto ad intervenire per il bene di tutte e tutti al di là di ogni calendario. Comprese tutte le volontarie e i volontari che dedicano il loro prezioso tempo al bene comune.

Nelle tante persone che ho incontrato quest’anno ho trovato un senso di solidarietà crescente. 
Io vedo cittadini che si aiutano, associazioni che chiedono alla Città come possono collaborare ad affrontare le difficoltà. Vedo utilizzare la rete per sensibilizzare su situazioni di disagio, ottenendo anche dei risultati. 
Io vedo tutto questo, e non sono l’unica. È la città solidale di cui abbiamo parlato molte volte e sono orgogliosa di scoprire che, sempre di più, è la realtà in cui viviamo. 
È chiaro, non è sempre così. La Comunità è fatta di tante persone, anche da quelle che non condividono questo spirito. Tuttavia è per questo motivo che che la partecipazione di quelli che ho menzionato sopra è ancora più importante: per l’esempio che danno e che sono certa saprà diffondersi.

Con questa immagine voglio concludere, augurando a tutte e tutti voi che sia un Natale di gioia vissuto insieme alle persone che amate.

Buon Natale di cuore da parte mia e di tutta l’Amministrazione.