15 dicembre 2018
Aggiornato 16:30

«Comune disposto a mettere i soldi per Gtt, ma solo per un salvataggio definitivo»

Dopo diversi incontri a porte chiuse, ha parlato di Gtt direttamente la sindaca Chiara Appendino. Ora si aspetta il Piano Industriale e il cda di Gtt
Appendino sul caso Gtt
Appendino sul caso Gtt (ANSA)

TORINO - Anche nella conferenza di fine anno della Giunta comunale della sindaca Chiara Appendino il caso Gtt non poteva che essere l’argomento di punta e quello su cui ci si è soffermati maggiormente. Vuoi per l’attualità, vuoi perché in ballo c’è il futuro di quasi 5mila dipendenti, fatto sta che ogni parola è pesata e a rispondere alle domande non è l’assessora Maria Lapietra ma la stessa prima cittadina Appendino. «L’unico nostro obiettivo è garantire i posti di lavoro e un futuro alla città», sottolinea la sindaca, «non stiamo facendo campagna elettorale e non lo fa neanche la Regione Piemonte. Un anno e mezzo fa siamo trovati ad approvare un bilancio in cui abbiamo notato che qualcosa non andava e così abbiamo iniziato a lavorarci su. Ora siamo disposti a intervenire economicamente ma deve essere per un salvataggio definitivo dell’azienda, se no non serve a nulla».

NIENTE TOPPE - L’appuntamento più importante si gioca a gennaio, quando Gtt convocherà il cda e sarà discusso il Piano Industriale che sta mettendo a punto il Comune. Da valutare non tanto a fattibilità della parte industriale, quando la sostenibilità economica. «Noi non vogliamo mettere solo una toppa», conferma Appendino, «abbiamo la responsabilità di ridisegnare il tutto anche in base ai soldi disponibili. Non esiste mettere una pezza, anche se è una scelta più difficile e magari traumatica».

IREN - Si vocifera che il Comune possa trovare i 40 milioni di euro che mancano dalla vendita di quote Iren. Ipotesi però non percorribile, come spiega Appendino stessa: «L’operazione Iren non ha effetto finanziario e quindi non fa cassa. Hanno un effetto economico di plusvalenza di Fct (holding del Comune, ndr) che rimane a patrimonio. Questo però non può essere utilizzato».